Roma, 1 feb – L’Istat aggiorna i suoi dati storici e quelli attuali rispetto all’era del pre Covid, come riporta Il Fatto Quotidiano.

Istat, nel pre – Covid 286mila occupati in più

Nel febbraio 2020 c’erano oltre 23 milioni di occupati, contro gli attuali 22,7 milioni attuali. Questi i numeri che l’Istat fornisce rispetto alla situazione del pre Covid, ovvero prima che la pandemia e la sua gestione facessero crollare l’economia italiana (ed europea). Ma nel frattempo ad allarmare è anche l’aumento notevole del precariato: nel dicembre 2021 i contratti a termine sono diventati oltre 3 milioni, un picco che era stato superato solo nel maggio 2018.

“Sostanziale stabilità” o stallo?

Si parla di “sostanziale stabilità”, il che però cozza un pochino con i titoloni che la stampa – anche d’agenzia – diffonde definendo l’Italia addirittura “locomotiva d’Europa”, basandosi esclusivamente sul valore Pil, per di più osservato dopo un crollo enorme quale è stato quello dell’anno 2020. Comunque, anche il calo demografico registrato nel nostro Paese ha portato a una caduta della popolazione a 24,9 milioni di persone, rispetto ai 25,4 del febbraio 2020. E questo ha generato una sorta di “illusione ottica” sul tasso di occupazione. La realtà è però che 286mila lavoratori non hanno ancora “recuperato” la propria posizione.

L’aumento del precariato a dicembre è considerato un “fenomeno in parte naturale“, dovuto al fatto che durante le feste nazionale l’aumento degli stagionali sia fisiologico. Ma ci sono altre ragioni che non fanno stare molto tranquilli: in ambito industriale la ripresa successiva al Covid è condizionata dall’inflazione, e le aziende tendono ad essere molto prudenti nelle assunzioni. Altro dato interessante è l’occupazione femminile, salita al 50,5%. Ma anch’essa, a quanto si legge, è condizionata da ingressi spesso precari, o al massimo part time. Da osservare con attenzione – infine – l’aumento degli ingressi nel mondo del lavoro dei giovani (nella fattispecie la fascia d’età 25 – 34 anni), cresciuti per oltre 29mila.

Alberto Celletti

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta