Roma, 16 feb – Si chiama “Italia geniale”, la mostra sul design industriale in corso a Roma dal 14 febbraio al 13 marzo di cui ci parla un articolo dell’Ansa.

“Italia geniale” tra Olivetti e la Moka

C’è tutto, in “Italia geniale”, dalla mitica Moka Bialetti alla bottiglietta del Campari Soda, oltre alla Valentinedella Olivetti. Non mancano i motori, con la Vespa elettrica Piaggio. C’è una storia che dura da prima degli anni Cinquanta fino ad oggi. Ed è la storia del design italiano. La mostra si tiene a Roma dal 14 febbraio fino al 13 marzo, nelle sale del Palazzo Piacentini, sede del ministero dello Sviluppo economico. Il Palazzo celebra proprio quest’anno i suoi 90 anni, ma la mostra, in realtà, era già stata allestita nel Padiglione Italia a “Expo 2020 Dubai”.

Sono 66 gli oggetti “cult” che vengono esposti. Da essi, si trae anche la storia dei brevetti e dei design industriali. Il ministro Giancarlo Giorgetti ha, a tal proposito, dichiarato:  “L’esposizione è un manifesto del nostro disegno industriale che vogliamo portare all’attenzione di chi vorrà soffermarsi ad ammirare le opere creative dell’ingegno italiano”. Difficile non concordare, visto il livello qualitativo di prodotti che – è proprio il caso di dirlo – hanno disegnato un’intera epoca, innovando e stupendo in un buon numero di occasioni.

Le aree della mostra

La mostra è divisa in cinque aree, che sono le seguenti: Imaginable, Workable, Relationable, Liveable e Moveable. Attraverso i pezzi esposti, si traccia un racconto dell’evoluzione del design italiano dagli anni Trenta ai giorni nostri. Così si possono ammirare oggetti divenuti icone mondiali di design, oltre a prodotti innovativi. E c’è qualcosa anche del nuovo millennio, come la Stampante 3D desktop, “XFab 2000”, utiklizzata nell’oreficeria e della odontoprotesica. Ogni oggetto esposto avrà, nella sua vetrina, un QR code apposto. Con esso, sarà possibile approfondire sul proprio telefono la storia dell’oggetto che si sta esaminando.

Alberto Celletti

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta