Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 27 set – Anche il professor Alessandro Meluzzi ha detto la sua sullo sciopero contro i cambiamenti climatici che ha avuto luogo questa mattina in 160 città italiane. E lo psichiatra, nel video tweet a cui ha affidato il proprio pensiero sul tema, non le ha di certo mandate a dire. “Siamo qui bloccati in un traffico impazzito, le macchine generano una quantità enorme di inquinamento“, riferendosi al traffico paralizzato per via delle manifestazioni di “gretini” in corso. E procede con il descrivere tali manifestazioni: “Ci sono un po’ di ragazzini che bevono mojito e si fanno qualche canna dei pressi di Piazza Vittorio: questa sarebbe la manifestazione di Greta, dei gretini, dell’ambiente: hanno fatto sega da scuola e sono tutti contenti per questo, anche perché il ministro e i professori gli hanno detto che lo dovevano fare, sennò sarebbero stati politicamente scorretti”. 

Il panorama è desolante: “Non c’è un megafono, non c’è una parola, non c’è un discorso, non c’è niente. Ci sono solo gli stessi ragazzi che ci saranno qui domani sera, sabato a bere cocktail e sonnecchiare con la stessa sonnacchiosità, ma oggi lo fanno con la benedizione di una “gretinata” senza senso, priva di valore, priva di concetto. Chi cerca di lavorare è disperato, chi cerca di muoversi per la città perché cerca di fare il medico, l’infermiere, l’ingegnere è in enorme difficoltà. Questa è la fesseria del mondo in cui viviamo”, conclude il professore, “un’ideologia fatta per rilanciare il potere delle solite banche e della solita finanza usando una ragazzina disabile affetta da autismo. E’ un mondo impazzito ed intollerabile. E’ ora di ribellarsi alla cretineria”. Non potremmo essere più d’accordo.

La tua mail per essere sempre aggiornato