Il Primato Nazionale mensile in edicola

Milano, 30 mag – Reduce dal risultato convincente del Partito Democratico nel capoluogo lombardo, Giuseppe Sala si dice pronto a ricandidarsi come sindaco, e non solo: “Con me il centrosinistra può vincere”, dice.

“Vediamo dopo settembre 2020”

Il primo cittadino milanese ha dichiarato ai giornalisti intervenuti a un evento a Palazzo Marino, nella giornata di mercoledì, i quali gli hanno domandato se Zingaretti lo considera un “papabile” come uomo di punta del Partito Democratico: “La politica cambia talmente tanto velocemente che oggi potrei dire che posso essere la persona più adatta affinché il centrosinistra vinca a Milano. Tra un anno vediamo, perché gli scenari cambiano molto rapidamente” .” Valuterò energie, volontà e condizioni politiche, perché quelle sono importanti”, dice Sala, rimandando la decisione a settembre 2020.

Sala raccoglie la “provocazione” della Lega

Sala sembra aver raccolto la “provocazione” della Lega di Matteo Salvini, che il giorno dopo le elezioni sostenevano di aver messo gli occhi sul posto di sindaco di Milano. Ma il partito del vicepremier Salvini ha racconto  il 27,39% contro il 36% del Partito Democratico guidato da Sala. “Certo non posso nascondere che sono contento dei risultati, che sono una riconferma non tanto della forza della sinistra, quanto di quello che a me sta molto a cuore, che è l’andare oltre all’idea che Sala è forte in centro e non in periferia” dichiara, a tal proposito, Sala “Stiamo guardando i dati in dettaglio e ci sono risultati straordinari in quartieri che vengono considerati molto a rischio per noi“.

Ilaria Paoletti

Commenta