Il Primato Nazionale mensile in edicola

Assen (Olanda), 1 lug – È una domenica soleggiata quella che aspetta il moto mondiale. Un tracciato molto particolare quello di Assen, senza grandi dislivelli ma con molti punti disponibili per sorpassi mozzafiato, buona premessa per un grande spettacolo.
Aspettative mantenute con la griglia di partenza molto variegata: in prima fila Marquez, Crutclow e Rossi seguiti da Dovizioso, Rins e Viñales, soltanto 10° il vincitore delle ultime due gare Jorge Lorenzo.
Allo spegnimento dei semafori tutte le carte si mischiano e le due Ducati ufficiali si mostrano subito molto competitive insieme alle rinate Yamaha ufficiali di Rossi e Viñales. É stata una bagarre continua con sorpassi al cardiopalma e con le gomme che hanno tenuto bene fino alla fine. Eccezionale la Suzuki di Rins che ha tenuto botta fino al termine, straordinarie le moto della casa del diapason che dimostrano i propri miglioramenti nel set up, ottime le Ducati che stanno sempre più trovando completezza.
Una gara con la G maiuscola quindi, 20 e rotti giri con il cuore in gola, tutti i piloti là davanti affamati di vittoria, sportellate, tamponamenti, incroci e staccate. Finalmente il motorsport sembra aver ritrovato dei veri uomini pronti a lottare con le unghie e con i denti. Questo almeno fino a tre giri dal termine quando, per situazioni di gara, Rossi e Dovizioso si annullano a vicenda andando larghi e spalancando un’autostrada a Marquez che da lì in poi allunga fino al termine e per Rins e Viñales che li stavano tampinando.
La gara di Assen giunge al termine con un podio composto da Marquez, Rins e Vinales, solo 4° e 5° Dovizioso e Rossi, Lorenzo dopo aver combattuto ed essere stato sconfitto si ritrova nelle retrovie. Ottima gara comunque per l’adrenalina, nella speranza di vedere un spettacolo simile magari già tra due settimane al Sachsenring.
Ordine d’arrivo GP Assen
1. Marc Marquez (Honda)
2. Alex Rins (Suzuki)
3. Maverick Vinales (Yamaha)
4. Andrea Dovizioso (Ducati)
5. Valentino Rossi (Yamaha)
6. Carl Crutchlow (Honda LCR)
7. Jorge Lorenzo (Ducati)
8. Johann Zarco (Yamaha)
9. Alvaro Bautista (Ducati)
10. Andrea Iannone (Suzuki)
Classifica piloti
1. Marquez 140
2. Rossi 99
3. Vinales 93
4. Zarco 81
5. Crutchlow 79
6. Dovizioso 79
7. Lorenzo 75
8. Iannone 71
9. Petrucci 71
10. Miller 55
Tommaso Ceccarelli



Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta