Roma, 13 apr – A Napoli il sindaco Gaetano Manfredi ristruttura “casa” ai centri sociali, come riporta il Giornale.

A Napoli Manfredi sistema la struttura occupata dai centri sociali

Crisi, povertà e senzatetto. Di conseguenza la scelta del sindaco Manfredi di destinare 30 milioni di euro ai centri sociali e a Potere al popolo non poteva non generare quanto meno turbamento. Manfredi ha approvato il 30 marzo una delibera con 16 dei 301 milioni di euro del Pnrr, del Piano nazionale per gli investimenti complementari e Horizon 2020 alla “riqualificazione” di quello che un tempo era l’Ospedale psichiatrico giudiziario, oggi noto come Ex Opg-Je so pazzo. ovvero dei centri sociali più importanti in Italia, che occupa la struttura da più di 7 anni.

Si legge di “rigenerazione e valorizzazione dell’ex ospedale”, ma non si dice chi abita – o, appunto, occupa – lo stabile. In quello stabile c’è la sede del partito Potere al popolo. Come dice il consigliere di maggioranza Sergio D’Angelo “i lavori saranno fatti ma l’esperienza dell’ex Opg non è in discussione. Ovviamente le opere dovranno essere eseguite in sicurezza e bisognerà studiare un sistema per tenere aperto il cantiere senza sgomberare la struttura”.

Storie già viste e motivazioni ufficiali

Già in passato il Comune di Napoli aveva preso decisioni simili, molto orientate a favore dei centri sociali. Al tempo di Luigi De Magistris, nel 2016, l’allora sindaco emano una delibera denominata “Beni Comuni. Vennero ristrutturati i centri di via Imbriani 218, e riqualificati Lido Pola, ex struttura balneare di Bagnoli. Si parla sempre di zone occupate, la seconda dall’ormai piuttosto lontano 2013. Il progetto Polars, in collaborazione con il comune stesso, l’Ingv, il Consorzio nazionale interuniversitario per le Scienze del Mare, il Quadrifoglio Società cooperativa sociale, e le associazioni Caracol e  Jolie Rouge Aps, promette di puntare sulle riqualificazioni energetiche per un investimento previsto di 14 milioni. I quali, sommati ai 16 appena citati per ristrutturare l’ex Ospedale psichiatrico giudiziario, raggiungono la cifra piuttosto e levata di 30.

Alberto Celletti

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. I centri sociali devono essere mantenuti a biada per una insana necessità di controllo e di castrazione aggiunta dell’ andamento urbano. Da lotta continua a biada continua, il passo è sempre breve.

Commenta