Il Primato Nazionale mensile in edicola

Ferrara, 19 feb – attimi di follia a Ferrara ieri mattina, dove un nigeriano ha sfasciato l’appartamento dove abita in preda a un raptus di follia, brandendo un coltello. Protagonista dell’episodio, una “risorsa” regolarmente residente in Italia, una di quelle che si dice  paghino le pensioni agli italiani. Un personaggio, come spesso accade in questi casi, già noto alle forze dell’ordine per via del suo temperamento.
Non devono essere dunque rimaste sorprese le pattuglie della polizia intervenute per sedare la sua ultima crisi. Come riporta il quotidiano La Nuova Ferrara, infatti, già da qualche settimana le forze dell’ordine sapevano che il nigeriano residente nel Grattacielo, il complesso con due grandi torri alla periferia di Ferrara, ricettacolo di degrado e scarsa sicurezza, era un personaggio problematico.
Scatti improvvisi di ira e violenza, ai danni dei suoi coinquilini e di quanti nel Grattacielo abitano, che ormai terrorizzano i residenti. Il nigeriano in questione alcune settimane fa era stato bloccato mentre camminava in contromano sulla superstrada. Prima era stato sorpreso a vagare nudo sotto casa. Un’altra volta ha aggredito gli agenti. E un’altra ancora è precipitato dal primo piano riportando solo poche ferite, mentre cercava di rientrare in casa arrampicandosi da fuori, aggrappato a un’antenna parabolica.
Infine l’exploit di ieri mattina, quando armato di coltello ha cominciato a spaccare tutto quanto gli si paventava davanti agli occhi. Vicini di casa e coinquilini hanno chiamato polizia e 118 e senza bisogno di interventi coatti l’uomo si è lasciato domare e accompagnare in ospedale. Il problema, a questo punto, è apparentemente risolto. Almeno finché il nigeriano non tornerà nel Grattacielo, terrorizzando i residenti con i suoi scatti di rabbia immotivati.
Anna Pedri

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta