Il Primato Nazionale mensile in edicola

mammaRoma, 25 mar – La scuola ai tempi del “petaloso” e dei giudizi poetici. Quella dove un genitore può pensare di reagire ad una insufficienza scrivendo sotto alla valutazione della maestra “non sono d’accordo”, utilizzando poi il figlio come corriere per far riconsegnare all’insegnante il compito “commentato”. Il fatto è accaduto in una scuola elementare della provincia di Roma e la maestra ha raccontato il fatto al Primato Nazionale. “Quando il bambino mi ha riconsegnato il compito non credevo ai miei occhi, ne ho viste tante ma ancora non mi era capitato di trovare un genitore che ritenesse opportuno correggere una mia valutazione”, ci spiega la maestra. “Oltre al fatto che trattandosi di una prova di matematica la mia correzione era oggettiva, trovo incredibilmente diseducativo contestare una valutazione di un compito. Se un genitore ha qualcosa da ridire sul lavoro di un insegnante può venire a parlare di persona, non certo utilizzare il figlio, un alunno di quinta elementare, per riconsegnare il compito contestato”.

Quello che solo fino a qualche anno fa sarebbe stato inconcepibile sembra essere diventato ormai prassi quotidiana. Genitori ultra protettivi, che si trasformano in veri e propri sindacalisti dei figli, sempre pronti a contestare il lavoro e l’autorità di insegnanti e professori. Colpa probabilmente di una società sempre più individualista e intrisa di “democratismo”, ovvero della tendenza, ampliata a dismisura dai social network, di dover per forza mettere bocca su ogni aspetto, anche quelli che non rientrano nella propria competenza o di cui non si sa nulla.Maestra compito Mamma scuola

Colpa anche di una scuola dove, tra gender e politicamente corretto, trovano spazio insegnanti che per un quarto d’ora di celebrità inventano “i compiti per le vacanze creativi” dove invitano a fare “le capriole” invece di studiare, o che al posto di fare le dovute correzioni grammaticali, scrivono alla Crusca per far approvare il termine “petaloso” in nome della creatività. Nessuno qui crede che la via più giusta sia quella di reintrodurre le bacchettate sulle mani e far stare gli studenti in ginocchio sui ceci, ma nemmeno pensare di abbattere le regole di base e le normali valutazioni in nome del culto delle “emozioni“, come sostiene chi vorrebbe sostituire i voti con i “giudizi poetici”, per non traumatizzare gli studenti.

Davide Romano

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

  1. Ma cosa possiamo aspettarci di diverso in un paese dove non esiste più alcuna autorità, dignità, decoro, dove i politici sono una banda di imbelli capaci solo a mendicare un pò di voti per mantenere le poltrone leccando le suole delle scarpe (a parole) agli elettori, dove si parla solo di diritti e mai di doveri, dove l’educazione dei bambini viene affidata alle multinazionali del consumo e dove tutti quindi si sentono in diritto di ribellarsi oggi all’insegnante, domani al tutore dell’ordine e comunque ad ogni figura che possa rappresentare l’autorità di uno stato che oggi è ridotto come tutti sappiamo. Che schifo……

  2. un articolo coi fiocchi, prende a pretesto la storia del genitore che non è d’accordo con la valutazione dell’insegnante e finisce con l’attaccare gli stessi insegnanti…un bell’esempio di coerenza…..

Commenta