Il Primato Nazionale mensile in edicola

Palermo, 21 feb – Quando si dice essere senza vergogna ed essere convinti di godere di totale impunità. I centri sociali di Palermo hanno plaudito al pestaggio del militante di Forza Nuova Massimo Ursino, accerchiato, legato alle mani e ai piedi e picchiato a sangue da un gruppo di persone che lo ha poi ferito alla testa a suon di bastonate. Si è trattato dell’ennesima aggressione antifascista, eppure le forze politiche di sinistra hanno per lo più taciuto sulla vicenda. Non potendo gridare al pericolo “onda nera” e dovendo semmai affermare il contrario.
Forti evidentemente di questa generale cortina di silenzio ecco che i centri sociali palermitani non hanno perso l’occasione per esaltare l’ignobile gesto: “Non rivendichiamo il gesto, ma difenderemo e saremo solidali verso gli autori offrendo loro supporto materiale e legale”, ha dichiarato a Palermo Today il responsabile del centro sociale Anomalia e di altre realtà di estrema sinistra Giorgio Martinico. Secondo questo signore di un certo spessore, il pestaggio ai danni di Ursino è da considerasi in qualche modo prevedibile. Tradotto, se l’è cercata. “Chi ha portato avanti per settimane una campagna d’odio e provocazione, andando in giro a fare il bullo, si sarebbe dovuto aspettare una reazione del genere. Hanno scelto di confrontarsi su questo piano e hanno ricevuto una risposta”. Parole che si commentano da sole, anzi che dovrebbe commentare gli esponenti di partiti politici che hanno soffiato sul fuoco fino ad oggi.
Sembra incredibile poi che qualcuno chieda addirittura di vietare il comizio di Roberto Fiore, leader di Forza Nuova, a Palermo. Eppure siamo alle solite, sono gli stessi personaggi che gettano benzina sul fuoco: “L’annunciata presenza in piazza, a Palermo, di Roberto Fiore prevista per il 24 febbraio è da ritenersi fuori dalle leggi e dal dettato Costituzionale”. Scrive ‘Potere al Popolo’ che ha chiesto al prefetto e al questore di della città siciliana di vietare la manifestazione di Fn. Ergendosi poi al di sopra della magistratura e del ministero dell’Interno Potere al Popolo ha poi sproloquiato: “Presentarsi alle elezioni non è e non può essere un salvacondotto di legittimazione di posizioni palesemente orientate alla diffusione dell’odio e di posizioni fasciste”.



Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

4 Commenti

  1. Dunque per il fantomatico potere al popolo e’ lecito considerare forza nuova come portatrice di odio………ma per favore, ominidi comunisti , spaccate , sprangate , pestate vigliaccamente le persone , puzzate come bestie tribali e ancora ci rompete i coglioni con la favoletta del fascista nero e cattivo…….siete solo feccia comunista , esseri impuniti e infami , voi e i vostri centri sociali di pidocchiose zecche rosse , drogate e violente , dovreste scomparire dalla faccia della terra………mi correggo , neanche le fogne vi vogliono. Orlando , sindaco di palermo , scandaloso.

  2. Leggere le frasi di quegli assassini e poi ascoltare la giornalista del tg1 che taccia come “delirante” quanto scritto nel comunicato di Forza Nuova che legittimamente rivendica la propria agibilità politica… canaglie e servaglia, sempre dalla stessa e della stessa parte… Li spazzeremo via, in quanto giusto.

  3. ragazzi questi vivono nel vuoto pneumatico:
    ricordo negli anni 90 e primi anni 2000 i compagni ragliare sempre contro i movimenti di destra e scappare a gambe levate quando i rapporti di forza erano 1:1 ….
    Mille casi dai volantinaggi davanti alle scuole, ai cortei in via libertà organizzati da varie sigle della Destra radicale.
    presidi in piazza Massimo e piazza Politeama dove finiva sempre allo stesso modo per i conigli rossi
    Oggi si riorganizzano con metodologie mafiose, forse apprese nei quartieri da loro frequentati, dove condividono con i criminali “economie sommerse” ben note alla cittadinanza…..

Commenta