Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 29 ott – Uno spot per l’immigrazione di massa, l’ennesimo. È questo che ha fatto papa Francesco in un incontro con i missionari scalabriniani. Questa congregazione religiosa, fondata dal vescovo Giovanni Battista Scalabrini (1839-1905), si è da sempre dedicata ai «migranti», tanto da ver fatto proprio il motto evangelico Ero straniero e mi avete accolto (Mt 25,35). «C’è un’ondata di chiusura verso lo straniero – ha detto papa Francesco – e ci sono tante situazioni di entrata di persone, ma poi si sfrutta lo straniero, no? Io sono figlio di migranti e ricordo che nel dopoguerra, quando ero un ragazzino di 10 o 12 anni, dove lavorava papà arrivarono i polacchi e furono accolti bene, c’era lavoro e c’era anche bisogno».
Il pontefice ha poi azzardato un’analisi storica: «L’Argentina è un cocktail di ondate migratorie: i migranti hanno costruito il Paese, come hanno costruito l’Europa, che non è nata così. È il frutto delle ondate migratorie». Per Bergoglio, dunque, il Vecchio Continente sarebbe stato edificato dai «migranti». E poco importa che la maggior parte delle migrazioni in Europa abbiano avuto luogo durante l’Età della pietra e che, in seguito, si è trattato per lo più di migrazioni interne, ossia tra etnie affini. Spesso, peraltro, queste migrazioni sono avvenute portando con sé violenze di ogni genere, dalla calata dei Dori alle invasioni barbariche. Non proprio un’immagine allettante…
Ma papa Francesco non si limita solo all’analisi storica (o pseudo-storica, fate voi), ma si lascia andare anche a una disamina sociologica: «Il benessere è suicida, ti porta a chiudere le porte perché non ti disturbino, possono entrare solo quelli che servono per il mio benessere. C’è questo dramma del declino demografico e della chiusura delle porte». Di qui l’ennesima esortazione all’accoglienza indiscriminata: «Ricordati che tu sei stato straniero. Avete letto le parole del Vangelo Ero straniero. E mi ha fatto commuovere quando lei ha detto che è più facile ricevere uno straniero che essere ricevuto: voi dovete fare entrambe le cose, dare le possibilità alle nazioni che hanno tutto di accogliere, aiutare le coscienze per farlo bene». Diamo un consiglio al pontefice: cominci a dare il buon esempio, riempia il Vaticano di immigrati. Sennò è troppo facile. Mica si può fare l’accoglienza solo con le porte degli altri.
Elena Sempione

8 Commenti

  1. Francesco ha parlato del suo ruolo di figlio di immigranti in argentina; allora non gli davano certo i 35 euro al giorno ad immigrato che oggi invece prendono le organizzazioni cattoliche immigrazioniste nostrane mentre i nostri vecchi sono costretti a rovistare nella spazzatura.Molti non sanno che non è piu’ andato in Argentina perchè ha molte persone che hanno dichiarato che furono vittime sessuali di preti ma che lui da responsabile della chiesa argentina di allora non fece nulla per loro e nemmeno le ricevette.
    Una volta ha dichiarato ” chi sono io per giudicare i gay”!! Favorendo i gay e lbgt si è messo contro la famiglia cristiana composta da un uomo ed una donna.Gia’ anni fà il patriarca greco ortodosso disse che era un eretico e apostata e che chi lo segue viene portato a commettere peccato mortale.Un buon cattolico lo deve ignorare completamente se vuole avere la salvezza della sua anima e molti cattolici lo contestano anche se cio’ non viene riportato dalla stampa in mano ai poteri occulti stranieri

  2. Si commuove ascoltando le storie dei poveri (ehm..) negretti e si macera pensando che possano essere dimenticati, non sia dia loro ascolto, non sia mai.
    Io più che commuovermi, mi incazzo invece a sentire le storie dei bambini abusati dal cardinal McCarrick, figuro che il nostro caro Merdoglio – suo grande elettore – ha coperto in maniera infame!
    Meglio invece dimenticarsele queste storie, meglio non prestarle ascolto, vero LURIDO GESUITA?

  3. Non ne possiamo piu. Tra la Boldrini, la Bomino, il Papa e tutti quei buonisti interessati ne abbiamo gli ZEBBEDEI pieni. Mandiamoli tutti nei paesi di provenienza di queste masse sub umane africa, asia, centro americani e paesi arabi questi rompi zebbedei devono essere mandati via dall’italia, non ne possiamo piu’. Via i traditori .

  4. Infame pedofilo depravato e distruttore della liberta’. Che se ne vada in africa a lavorare.i cattolici sono dementi malati mentali come i comunisti.

  5. il papa e’ un Depravato Pedofilo e razzista
    verso i bianchi.Che se ne vada in Africa
    assieme alla boldrini a fico alla boschi
    e tutte le altre persone false buoniste
    Traditori dell”italia senza ccoscienza.

Commenta