Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 29 giu – Ma Laura Boldrini lo sa come nascono i bambini? L’informazione, alla sua età, dovrebbe essere scontata, eppure non sembra che la presidente della Camera abbia ben chiari i termini della questione. Tutto nasce ieri, a Montecitorio, quando la Boldrini ha inviato “un saluto molto sentito a Celeste Costantino, la nostra collega che ha fatto una bambina che si chiama Bianca e che sta bene: un saluto a mamma e bimba”. Applausi dall’aula, ma c’è chi fa notare una mancanza. Antonio Palmieri, di Forza Italia sottolinea che forse anche il padre della piccola meriterebbe gli auguri. Ma il presidente della Camera non ci sta: “Come dice? Il papà e non è parte in causa in questo caso. Scusate, la bambina è stata fatta da Celeste Costantino, è nostra collega e noi ci rivolgiamo a lei, essenzialmente a lei”, ha affermato la Boldrini.



https://www.youtube.com/watch?v=fVBpRGfjiUs

Black Brain

Secondo la terza carica dello Stato, quindi, il padre “non è parte in causa” nella nascita di una bimba. Che le donne si riproducano per mitosi, forse? A quel punto Daniele Capezzone ha chiesto la parola “per fare gli auguri anche al marito o al compagno della nostra parlamentare, visto che crediamo, dopo ampia riflessione, che anche il papà abbia avuto un qualche ruolo nella nascita della bimba”. Al che persino la Boldrini ha dovuto cedere, affermando a denti stretti: “Sarà un piacere fare gli auguri anche al papà”. Banale cronaca spicciola che testimonia quanto un certo modo di pensare anti-maschile e anti-paterno si stia sempre più facendo largo.

Roberto Derta

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

  1. comunque -al di là di ogni pensiero politico- personaggi caricaturali come questi mai visti mai; o meglio la caricatura poteva ridursi a quella di un Forattini su uno Spadolini come linea grafica; rimaneva il fatto che quel politico era uno degli uomini più colti d’Italia e la sua biblioteca privata una delle più vaste,giusto a titolo di esempio.

    Che tristezza però…

Commenta