Pavia, 8 lug – Qualora aveste ancora dubbi sugli appoggi eterogenei di cui gode il capitano della Sea watch 3 Carola Rackete, eccoveli fugati: a Pavia Don Roberto Beretta, 43 anni,  prete di provincia ha dedicato alla tedesca della Ong una messa.

Centinaio (Lega): “Prete pensi ai parrocchiani”

La messa, per dovere di cronaca, è dedicata a lei e a “tutte le donne di coraggio che mettono prima la legge di Dio rispetto alla legge degli uomini”. La messa è in programma venerdì 12 alle 8,30 a Pieve di Porto Morone.  E’ possibile leggere questa “dedica” nel bollettino diocesano. Sull'”evento” è intervenuto il ministro delle Politiche agricole Gian Marco Centinaio: “Siamo in un paese libero quindi accetto (ma non condivido) la scelta di un prete della mia provincia di celebrare una messa per Carola” queste le parole del ministro su Facebook. “Proprio perché siamo in un paese libero mi permetto di consigliare al prete di pensare un pochino di più ai propri parrocchiani anziché fare queste pagliacciate”.

Don Roberto: “Carola ha seguito legge di Dio”

Ma Don Roberto replica, pronto: “Sono più che convinto della mia decisione, non penso che per un sacerdote debbano esserci dubbi sul fatto che la Legge di Dio viene prima della legge degli uomini, soprattutto se si tratta di salvare delle persone. Poi mi sembra che anche la giustizia ha stabilito che questa donna si sia comportata in maniera lecita. Ma a darmi la forza per far celebrare questa messa sono state due recenti lettere aperte, pubblicate venerdì 5 luglio da Avvenire, scritte da un gruppo di teologi della Facoltà teologica dell’Italia meridionale e indirizzate al Presidente Sergio Mattarella. Lettere in cui questi teologi esprimono totale vicinanza alla comandante Rackete che ‘con la sua disobbedienza civile ha dimostrato una passione per l’umanità esemplare”. Non solo, vorremmo replicare a Don Roberto: anche il Papa uno giorno sì e l’altro pure accoglie rom in Vaticano e ci ricorda di accogliere tutti gli immigrati. Che stiano un po’ favorendo dei “figliuoli” ad altri gli appartenenti alla Chiesa Cattolica?

Ilaria Paoletti

9 Commenti

  1. Io frequento messe dove all’omelia si dice che Gesù si è sempre riferito al singolo viandante, riguardo l’accoglienza, non ad intere collettività. Purtroppo esistono anche sacerdoti come quelli dell’articolo, ma esistono anche chierici che criticano ferocemente l’accoglienza indiscriminata e selvaggia. Per non parlare della base cattolica, la quale è prevalentemente con Salvini. Non bisogna esagerare con questi articoli, altrimenti rischiamo di allontanare dalla Chiesa tutti quelli più indecisi; non dobbiamo lasciare la Chiesa nelle mani dei “progressisti”, bisogna essere più chirurgici, e non dimenticare che Bergoglio non è eterno, la ricreazione finirà.

  2. Legge di dio ? La sharia ?
    Date a CESARE quel che è di CESARE , il pretaccio era assente quando in seminario spiegavano questo semplice passo evangelico ?
    L’ immondo sarebbe stato felice di massacrare Ipazia , come oggi appoggia carola dimonia , la traghettatrice infernale .
    Compagno sacerdote , le fiamme dell’inferno non son così lontane , potresti abbruciacchiarti un pochino le sottane .

  3. Perché le dedicano una messa? È percaso morta?
    Scherzi a parte, ognuno tira l’acqua al suo mulino. La chiesa sa che gli italiani non fanno più figli e prova ad adescare i nuovi arrivati che invece sono prolifici. Magari in altri tempi metterebbe un po’ da parte la legge di Dio…

  4. Questo prete falso segue le “leggi” di Soros e banchieri accoliti. Le “leggi” di “paesi-cesso” criminali e totalmente incivili e subumani, però dotati di suolo zuppo di petrolio. Petrolio che unge e bisunge dette “leggi”, quando convertito in dollaroni sonanti! Ed ha il coraggio di spacciare dette ” leggi” come partorite dalla volontà di Dio! Non ho visto scritto da nessuna parte che un paese abbia l’ obbligo di mantenere a vita milioni di componenti di un negracciume cazzofacente, strafottente, parassitario, degradatore di ambiente, etc. etc., quando non molesto e infestante o, addirittura assassino, predatore e cannibalico! Sono i Popoli che devono assaltare la bastiglia! Ripristinare la pena di morte per pirateria, alto tradimento, favoreggiamento di invasione del territorio nazionale e quant’ altro! La carola, il casarini et similia, una volta appesi al pennone delle loro bagnarole, previa solenne e sonora bastonatura & giro di chiglia, non potrebbero godersi i proventi della loro lurida attività! Ma, loro sono furbi! A questi prezzi la “disobbedienza” non converrebbe più! Prete fariseo & saccente! Che Santifica il delinquente aduso a rischiar niente!

  5. Ormai siamo al limite non se ne può più come si fa a del dicare una messa ad una annoiata figlia di papà piena di soldi che vergogna se lo facesse il mio parroco non andrei più a messa e non solo io vergogna

Commenta