Roma, 14 feb – Alla domanda su un ipotetico futuro in politica, Fabrizio Pregliasco risponde con il classico “mai dire mai”, come riporta Adnkronos.

Pregliasco e la politica? “Mai dire mai”, dice il virologo

Ai microfoni di Un giorno da pecora, il virologo star così risponde alla domanda su un eventuale futuro in politica. “Chi lo sa, non ci avevo davvero mai pensato, non ho idea, in questi casi si dice ‘mai dire mai’…”. Il docente della Statale di Milano si riferisce a una possibile candidatura alle elezioni politiche (“Se le chiedessero di candidarsi?”, chiedono i conduttori). Al minuto 21.00 del video – che vi proponiamo qui – il passaggio descritto.

Come Bassetti (e chissà se qualcun altro…)

In realtà, anche Matteo Bassetti, ospite nei giorni scorsi nella stessa trasmissione, aveva risposto con il classico “mai dire mai”, a una domanda identica. Sorge spontaneo il dubbio: i virologi star ci proveranno? Presto ancora per dirlo. Ma la notorietà, per dirla in gergo, è una brutta bestia. E soprattutto perderla – se, come sembra, la fase pandemica si sta indirizzando verso la fine – potrebbe costituire una motivazione notevole per cercare altre strade. Beninteso che, ovviamente, nessuno può leggere nel pensiero. E così al “mai dire mai” ci sentiamo di rispondere con un altro classico: “Chi vivrà, vedrà”.

Alberto Celletti

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Pfizer vi consiglia di contattare il medico se avete questi sintomi. E il tweet diventa virale
    Agata Iacono- lantidiplomatico.it

    Anche Pfizer è costretta a dichiarare pubblicamente gli effetti avversi correlati al suo siero? Sta diventando virale un tweet della multinazionale in cui testuale si consiglia di contattare il medico se si verificano i sintomi di un coagulo di sangue in una vena profonda. Vale a dire uno degli effetti avversi più comune della sua vaccinazione sperimentale contro il Covid.

    ” Deep vein thrombosis (#DVT), a blood clot in a deep vein, can travel to the lungs, leading to a pulmonary embolism (#PE). Symptoms of PE include difficulty breathing and chest pain. Contact your doctor if experiencing symptoms—this is no time to wait.”
    — Pfizer Inc. (@pfizer) February 14, 2022

    Evidentemente, sempre e rigorosamente nella totale dolosa censura dei media, Pfizer non è più in grado di gestire la più eclatante bufala messa in atto da una multinazionale farmaceutica. Da quando è scoppiato lo scandalo Pfizer gate, con l’apertura di un’inchiesta sulla manipolazione dei dati e quindi il balletto tragicomico tra Fda e Pfizer per la pubblicazione di tutta la documentazione a supporto dell’autorizzazione, come da ordinanza del giudice del Texas, la Big Pharma sta collezionando una serie catastrofica di fallimenti.

    L’ultimo è il ritiro della proposta di acquisto all’India, che pretendeva addirittura di valutare autonomamente la validità del siero, senza accettare ciecamente la documentazione già prodotta negli Usa e ancora non pubblicata.

    “Pfizer, Moderna e altri produttori stranieri di vaccini stanno guardando i beni sovrani del paese come una forma di garanzia per il vaccino. Chiedono anche protezione legale dai casi di effetti collaterali del vaccino. Queste condizioni non sono accettabili per il governo indiano. Fino a quando le aziende farmaceutiche straniere e il governo indiano non raggiungeranno un consenso in merito, la disponibilità del vaccino Pfizer in India richiederà probabilmente più tempo.”

Commenta