Roma, 11 mar – Vladimir Putin parla di “positivi cambiamenti” nei negoziati sull’Ucraina, dichiarazione messa in evidenza dall’Agi.

Putin sui negoziati

Allo stato attuale il presidente russo Vladimir Putin definisce “positivi” i cambiamenti nei negoziati sulla questione ucraina. Il tutto mentre il governo della Repubblica Popolare Cinese continua nella sua operazione di sostegno a Mosca, sebbene scandita dal tentativo di presentarla come una mediazione. Pechino si è detta infatti pronta ad ogni “sforzo costruttivo” per contribuire alla risoluzione della crisi. Motivi per essere ottimisti? Ancora pochi. Anche considerando che l’ottimismo di Mosca si era palesato anche nei primi giorni del conflitto, quando il Cremlino parlava di “possibili progressi” nei negoziati. In ogni caso, attendere gli sviluppi non potrà certo far male.

Le possibilità sull’incontro Zelensky – Putin

Rispondendo alle precedenti dichiarazioni di Volodymyr Zelensky, secondo quando riferisce l’agenzia Tass, il Cremlino non esclude un possibile incontro tra il presidente russo e quello ucraino. Con la condizione che, però, sia un confronto in qualche maniera decisivo, cioè improntato a raccogliere dei risultati concreti. Ne parla il portavoce presidenziale russo Dmitry Peskov: “Nessuno esclude la possibilità di un incontro tra Putin e Zelensky. In teoria, è davvero possibile”. Poi ha aggiunto che “in primo luogo, delegazioni e ministri devono fare la loro parte del lavoro per assicurarsi che i presidenti non si incontrino solo per il bene del processo e di una conversazione, ma tengano una riunione per ottenere risultati“.

Infine: “La posizione della Russia non è un segreto, è stata formulata e portata all’attenzione dei negoziatori ucraini. Siamo in attesa di ricevere i loro chiarimenti”. Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov d’altronde, aveva già dichiarato giovedì scorso, successivamente al colloqui con Dmitry Kuleba, che Putin aveva mai rifiutato di tenere contatti. Come facilmente intuibile, il Cremlino sembra avere una certa attenzione per la questione.

Alberto Celletti

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. Nonostante tutte le Cassandre “al contrario” che stanno imperversando nel inutile occidente vuoi vedere che in occasione delle Pasque, quest’ anno coincidenti, sarà finito tutto seppur con nascosti leccamenti di ferite e falsi sorrisi (come sempre) ? Il Zelensky pare sia già atteso in Svizzera con il treno di piombo di memoria storica finalmente in viaggio di ritorno…

Commenta