Il Primato Nazionale mensile in edicola

Empoli, 2 ago – State vendendo un costume fascista, non vi vergognate? E’ l’accusa lanciata niente di meno che dal centro sociale Csa Intifada di Empoli. Un’autorità di un certo spessore e decisamente imparziale, al cui cospetto la Swimxwin, ditta produttrice toscana, si è spaventata e ha deciso di ritirare il prodotto incriminato dal commercio. “Abbiamo anche costumi e cuffie con l’immagine di Che Guevara e con la scritta hasta la victoria siempre – ha spiegato uno dei responsabili dell’azienda nonché direttore tecnico del Team Nuoto Toscana, Giovanni Pistelli – Questo significa che il nostro intento non è fare politica, ma attirare l’attenzione di chi compra questi articoli. Boia chi molla, per noi, è l’incitamento a dare sempre di più in vasca. Hasta la victoria siempre, invece, vuole intendere di puntare solo a vincere”.

Peccato che nonostante l’iniziale giustificazione del responsabile aziendale, la ditta abbia finito per cedere alle pressioni del centro sociale, che ovviamente ha rincarato la dose delirante: “Speriamo che la scelta di produrre questo costume rappresenti uno scivolone dal punto di vista del marketing aziendale e, ovviamente, ne chiediamo la rimozione dalla collezione – ha scritto il Csa Intifada -, invitando anche i gestori della piscina comunale di Empoli a vietare l’ingresso a chi ostenta immagini nazifasciste“.

Tutto questo baccano soltanto per la frase “Boia chi molla” stampata sugli slip venduti dall’azienda toscana. Puntuali ovviamente anche gli strepiti e il piantino tipico dell’antifascismo militante. In seguito però alla sceneggiata del centro sociale, il responsabile dell’azienda toscana ha specificato: “Li ho ritirati dal mercato – ha detto Pistelli – però grazie alla vostra pubblicità almeno ne ho venduti tantissimi in questi due giorni”.

Alessandro Della Guglia

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. la prossima volta che capito ad Empoli vado in piscina con i miei bermuda oliva marchiati IDF:
    Israel Defence Forces.
    chissà se quelli del centro sociale riescono a centrarmi con i sassolini…

Commenta