Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 10 apr – Matteo Renzi “scappa” con la cassa della Fondazione Open? Secondo quanto riporta il Corriere, il segretario dimissionario del Pd a quanto pare avrebbe intenzione di chiudere i cancelli della fondazione che in questi anni ha raccolto le donazioni dei finanziatori privati. Stiamo parlando della Fondazione Open, il canale di finanziamento che per diversi anni ha anche finanziato la Leopolda. I soldi raccolti non sono affatto pochi: dal 2012, anno di fondazione, sono stati racimolati circa 6,7 milioni di euro.

Spesso al centro delle polemiche sulla trasparenza dei finanziamenti, la fondazione è servita anche per smistare poltrone e scambiare favori. Il presidente, Alberto Bianchi, infatti è stato messo da Renzi nel cda dell’Enel. Altri donatori hanno ricevuto nomine governative o leggi su misura.
Sono molti i donatori che si sono avvicendati in questi anni. Anche se – come avverte il presidente dell’Autorità anticorruzione Raffaele Cantonea volte tante micro-donazioni nascondono un unico maxi-versamento. In ogni caso si va dai 300mila euro di Davide Serra ai 110mila euro della British american tobacco, ai 150mila euro dell’armatore Vincenzo Onorato. Fino ad arrivare, come dicevamo, alle micro-donazioni tramite PayPal.
I soldi sono stati spesi soprattutto per l’organizzazione delle sette edizioni della Leopolda, la convention made in Renzi con cui si doveva “rottamare” il Pd.
Nata nel 2012 sotto il nome di Big bang, la fondazione è stata la “scatola” giuridicamente in regola con cui ricevere le donazioni dei finanziatori privati.
Dal canto suo, il “contabile” Bianchi spiega che nel giro di un mese il cda di Open approverà il bilancio con l’incasso di circa 1,3 milioni di euro. A quel punto si potrà chiudere bottega. Con buona pace di chi vorrebbe conoscere i nomi di circa il 40% dei finanziatori che hanno chiesto di restare anonimi.

Occhi puntati su Renzi, dunque. L’ex sindaco, ex premier, ex segretario si avventurerà in un nuovo partito? I soldi ce li ha, a quanto pare. Staremo a vedere.
Adolfo Spezzaferro



Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

4 Commenti

  1. E la faccia da tolla Renzi “il bomba”diceva agli italiani che aveva solo 30 mila euro in banca, meno di un metalmeccanico un po’ risparmiatore

  2. secondo me e’ soltanto invidia non tutti riescono a camuffare il pizzo per donazioni, se poi con quattrocento euro diventano milioni pazienza…gia’ ma alla fine vedi che i conti tornano pagano sempre i soliti…

Commenta