Roma, 11 mar – Emmanuel Macron lancia l’allarme per l’approvvigionamento nel mercato dei cereali, come riportato da Tgcom24.

Macron: “Rischio instabilità cereali”

Il presidente francese Macron dunque lancia l’allarme al vertice Ue sui cereali. Lo fa ammonendo tutti sull’urgenza di una “strategia alimentare” dell’Unione europea. E i mercati interessati sono quelli del grano e dei cereali. L’inquilino dell’Eliseo ha dichiarato che, stante la situazione odierna già non esattamente rosea, “saremo ancora più destabilizzati fra 12-18 mesi a causa di quello che non può essere seminato in questi giorni”. Poi ha aggiunto: “Bisogna rivalutare la strategia di produzione, anche pensando all’Africa, che verrebbe colpita da carestie fra 12-18 mesi”.

Le proposte del G7 dei ministri dell’agricoltura

Lasciare aperti mercati globali del grano è la proposta dei paesi del cosiddetto “G7 agricolo”. Le difficoltà delle esportazioni causate dalla guerra in ucraina ha portato i ministri dell’Agricoltura a chiedere che tutti i mercati agricoli globali restino aperti, in particolare quelli del grano. In questi giorni molti Stati stanno affrontando delle difficoltà nel reperire le materie prime agricole. Lo dichiara proprio il ministro tedesco Cem Oezdemir, a seguito di una riunione online dei G7 guidato dalla Germania. Oezdemir ha proseguito così: “E dunque è tanto più importante che i mercati siano lasciati aperti a livello mondiale, e non vengano ostacolati attraverso limitazioni all’export“.

Alberto Celletti

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. “Mario nel Paese delle Meraviglie” o “Il Nostradamus delle falsità!”

    Draghi dice che “non siamo in un’economia di guerra”… ah ah ah

    – Ferrara, guerra Ucraina olio di semi:
    “I supermercati fissano la vendita a un massimo di due bottiglie a testa. I titolari: “Temiamo che si debba fare lo stesso per il pane”

    – Catanzaro olio di semi ai supermercati coop massimo due bottiglie acquistabili.

    Draghi-non-siamo-in-uneconomia-di-guerra-gli-allarmi-sono-esagerati. Ah! Ah! Ah!

    Infatti!.. i soldatini italiani senza nemmeno lanciare manco un petardo, “ma-la-vita” della gente è stata stravolta lo stesso!…

    Nel 2008:
    Prezzo Petrolio al barile circa 130 $…
    I carburanti costavano alla pompa circa 1,40 euri…

    Oggi 2022:
    BARILE 108 $ + o –
    I carburanti costano 2,40 euri

    Nel 2008:
    – Metano o gas per auto 0,40 centesimi

    Oggi 2022: 5 Euri Ah Ah…
    (potrei anche continuare ma penso siano sufficienti questi pochi esempi), è…

    “Mario nel Paese delle Meraviglie” o “Il Nostradamus delle falsità!”

    By Manlio Amelio

Commenta