Roma, 30 lug – Si vanta sui social di aver imbrattato gli autobus Atac a Roma. E viene inchiodata. La geniale protagonista dell’eroico gesto è la figlia di Asia Argento e di Morgan, la sedicenne Anna Lou Castoli. La giovane, dedita alla poco nobile arte del vandalismo, avrebbe infatti postato su Instagram foto dei sedili coperti (da lei) di scritte. Lo ha fatto senza remora, convinta che gesti simili debbano evidentemente essere apprezzati.

A riportare il fatto è il sito “Roma fa schifo”, che riporta alcuni scatti “artistici” della ragazza che ha persino scritto “imbrattato” su un sedile di un bus. Nel caso qualcuno non cogliesse il gesto. Le foto sono state inserite sulle “storie” di Instagram dalla nipote di Dario Argento e di conseguenza adesso non sono più visibili, perché pubbliche soltanto per 24 ore. Peccato che alcuni osservatori social abbiamo realizzato screenshot prontamente inviati al sito di cui sopra, che li ha pubblicati.

Commenti

commenti

7 Commenti

  1. È proprio vero………roma è una latrina a cielo aperto, una cloaca indegna dove comandano feccia africana e zingari indegni………in questo quadro idilliaco si inserisce questa fenomena che seguendo il solco di cotanta schiatta si dedica all’imbrattamento dei mezzi pubblici………auguroni.

    • Io so romano vero amico mio è ti devo dar ragione ma io in cima alla lista ci metto la classe dirigente radical chic di qualsiasi colore è bandiera e poi sto finti artisti di poco buon gusto che vanno dove tira il vendo ….senza idee e identitá…..E poi il resto …..E di Roma ti do pienamente ragione dove ce un concentrato di merda…..E te lo dice un romano vero….

  2. quindi siccome Roma fa schifo (ci si guardi più spesso allo speccio, grazie)
    è consentito a tutti il vandalismo delle cose pubbliche???
    credo sia…ancora…un reato
    credo anche che si debba procedere d’ufficio senza bisogno di denuncia
    mi chiedo cosa si aspetti per procedere.

  3. Io non intendo affatto giustificare chi imbratta perché lo fanno in tanti… cerca di leggere tra le righe anche se lo sport nazionale è diventato non voler comprendere ciò che dicono gli altri… Volevo sottolineare solo il fatto lampante che in questo caso varie testate (ideologicamente schierate) attaccano la figlia su questo episodio ma in realtà vogliono colpire la madre… e scusa se te lo dico mi pare strano che una persona intelligente come te non se ne renda conto e non ne convenga….

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here