Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 15 apr – Matteo Salvini attacca nuovamente Fabio Fazio. Il vicepremier leghista, alla conferenza programmatica della Lega tenutasi a Roma, è tornato a parlare del faraonico stipendio del servile conduttore della Tv di Stato, spiegando che non sarà in studio a Che tempo che fa per le interviste pre elettorali in vista delle Europee del 26 maggio.

Tutti tranne Salvini

Tutti i capi dei principali partiti andranno al talk-show, ma Salvini non farà parte del gruppo. “Le regole della par condicio prevedono che da Fabio Fazio ci debbano andare i 4 leader di partito, Berlusconi, Salvini, Zingaretti, Di Maio: io per coerenza e rispetto degli italiani che pagano il canone non andrò da Fazio”. Per il ministro degli Interni è inconcepibile che il conduttore “per rispetto di un momento economico difficile non si dimezzi lo stipendio”. E ha concluso: “Sono pronto a rimangiarmi la parola e andare da Fazio se dirà: ‘io mi vergogno un po’ a guadagnare milioni di euro all’anno'”. Non è certo la prima volta che il leader del Carroccio attacca il conduttore su questo tema chiedendogli una riduzione del compenso: già l’anno scorso, ai microfoni di Radio Rtl 102.5 aveva dichiarato: “Io ho deciso di non andare da Fazio da quando in campagna elettorale ha invitato tutti tranne il sottoscritto, ora ne faccio a meno e per coerenza non accetto il suo invito adesso. Inoltre ribadisco che non è corretto che nel pubblico ci siano stipendi come il suo, però non sono geloso e, semplicemente, cambio canale”.





Cristina Gauri

La tua mail per essere sempre aggiornato

Articolo precedenteTria apre alla Flat tax, “ma solo se progressiva”
Articolo successivoFinlandia, boom dei sovranisti. Gli alleati di Salvini sfiorano la vittoria
Classe 1977, nata nella città dei Mille e cresciuta ai piedi della Val Brembana, dell’identità orobica ha preso il meglio e il peggio. Ex musicista elettronica, ha passato metà della sua vita a fare cazzate negli ambienti malsani delle sottoculture, vera scuola di vita da cui è uscita con la consapevolezza che guarire dall’egemonia culturale della sinistra, soprattutto in ambito giovanile, è un dovere morale, e non cessa mai di ricordarlo quando scrive. Ha fatto uscire due dischi cacofonici e prima di diventare giornalista pubblicista è stata social media manager in tempi assai «pionieri» per un noto quotidiano sabaudo. Scrive di tutto quello che la fa arrabbiare, compresi i tic e le idiozie della sua stessa area politica.

3 Commenti

  1. Se quel fazioso servile e disgustoso personaggio guadagna milioni, (degli Italiani) per dare addosso ai medesimi e fare da quinta colonna ai subdoli, ripugnanti & malintenzionati invasori negranti. Perché non ne mantiene qualcheduno? Qualche decina, almeno… Cosa vuoi che sia per un multimilionario pagato per sparar cazzate tirar fuori 40 € al dì per negrante?… Ma di sicuro lui, come del resto tutto il sinistrume altolocato, per i negranti non tireranno fuori manco un copeco!… Sono gli Italiani, (poveri), che devono pagare per tutti! Mantenere nel lusso il sinistrume altolocato, che vivono da nabbabbi senza alcun rischio imprenditoriale, (capitalisti senza capitale a rischio), e mantenere i negranti, oltre a trovarseli tra i piedi a qualsiasi ora del giorno e della notte, il più delle volte con intenzioni tutt’ altro che amichevoli e benevole! Svegliati! Italia! Qualcuno ha deciso che l’ Italia è di tutti!… Tranne che degli Italiani!!!

Commenta