Roma, 20 dic – A quanto pare Valeria Fedeli ce la sta mettendo tutta per passare alla storia come il ministro dell’istruzione più ignorante dell’Italia unita. Prima si inventa una laurea e poi addirittura la maturità (chissà che, scavando più a fondo, non si arrivi a invalidarle anche la licenza elementare). Successivamente, non paga delle sue performance, incomincia a dispensare sfondoni storici grammaticali a destra e a manca. L’ultimo era stato un congiuntivo sballato e non curante della consecutio temporum.

Ora, invece, arriva la nuova perla. In un intervento pubblico, infatti, la Fedeli afferma convinta: «C’è un percorso di rafforzamento che svolgono le funzioni di tutor dedicate all’alternanza, che offrono percorsi di assistenza sempre più migliori a studenti e studentesse». La formula “sempre più migliori” sembra uscita da un film di Fantozzi o, se preferite, da un film dell’orrore. A questo punto, con una “ministra” così, non ci resta che prevedere un futuro dell’istruzione italiana “sempre più peggiore”…


Elena Sempione

Commenti

commenti

14 Commenti

  1. QUESTO PERSONAGGIO È UNA DELLE VERGOGNE D’ITALIA…
    ANCORA DEVE CHIARIRE A FRONTE DI QUALE TITOLO DI STUDIO SI TROVA DOVE È….

    VERGOGNA
    VERGOGNA
    SIETE SENZA ROSSORE IN VOLTO.

  2. In questo caso, non sono sicuro che sia un errore: il più si lega al sempre. Quello che non mi piace, però, è la frase in generale, che, oltre ad essere brutta e contorta, fatica a trovare un senso logico.
    Mi fa pensare a una supercazzula burocratica…

    • Ma va! Il più si lega all’aggettivo, tant’è vero che se avesse detto “sempre più bello” sarebbe stato corretto. In italiano si dice: buono, migliore ottimo, quindi “sempre migliore” è corretto. Pure buonissimo è una forzatura anche se oggigiorno è accettato. Ma più migliore no e poi no!!!

  3. Si chiama “analfabetismo di ritorno”. colpisce chi non ha frequentato le superiori. Mi domando come un’ignorante possa diventare ministro. Mi domando come mai chi millanta titoli di studio non vada in galera

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here