Roma, 30 nov – Mario Monti lo aveva chiesto quasi en passant, ieri Mediaset ha risposto “signorsì!” al comandamento di un esponente delle èlite: l’autocrazia mascherata in cui viviamo è, ormai da tempo, un dato di fatto.

Autocrazia mascherata e parlamentarismo di cartone

Ce ne eravamo accorti già dai primi tempi della pandemia, con i costanti dpcm dell’allora presidente del Consiglio Giuseppe Conte, lo avevamo intuito nella primavera ed estate del 2020, quando le valutazioni sul covid 19 successive all’overdose di terapie intensive di qualche tempo precedente apparivano già fuori controllo e tutte in una direzione. Lo abbiamo, in qualche maniera, suggellato con la nomina di Mario Draghi alla premier. Una nomina che da subito ha testimoniato una grande concordia servile verso il nuovo capo del governo: praticamente tutti i partiti – salvo qualche sparuta eccezione – seguono i diktat del nuovo dominus.

E così anche il parlamento in questo momento è ridotto ad organo meramente consultivo, come d’altronde è abituato già da tempo a fare ogni qualvolta gli “ordini superiori” vengano imposti (si pensi alle materie riguardanti l’Ue e il nostro adeguamento ai suoi diktat). Ma in questo caso è la continuità a fare impressione. L’autocrazia mascherata non può che disporre un’informazione ad essa allineata e a suo supporto. E così media e giornali, già tradizionalmente indirizzati a senso unico su ogni tematica dell’odierna politica (globalizzazione, liberismo, europeismo, immigrazionismo, per citarne solo alcune) non possono che fare lo stesso sul tema del covid, con l’ultima accelerazione sulla variante Omicron, innocua nei dati ma terrorizzante nelle comunicazioni ufficiali. Quindi, per Mediaset, meglio non avere rogne (forse rinunciando pure a trasmissioni con un certo seguito) e fare fuori così, in un sol blocco e seppur temporaneamente, Mario Giordano e Paolo Del Debbio. I quali, tra l’altro, non erano nemmeno sempre ostili all’informazione ufficiale

Non tutti dissidenti, ma meglio evitare rischi

Per l’appunto, non entrambi i programmi sospesi erano così dissidenti: Del Debbio aveva preso da tempo, con il suo Dritto e Rovescio, posizioni decisamente conformiste e governiste, soprattutto sul tema dei vaccini. Ma nel complesso, la sua trasmissione non è mai stata completamente allineata. Quindi meglio ridurre il numero e metterla ai margini cancellando ogni minimo rischio, come fatto con “l’eterno ribelle” Mario Giordano e il suo Fuori dal Coro, e magari lanciando pure un messaggio indiretto a Nicola Porro con il suo Quarta Repubblica, ad oggi ancora in piedi.

In compenso, ai sedicenti democratici l’autocrazia mascherata, come sempre, va bene così. Ma loro sono esperti nello spacciarsi per qualcosa che non sono mai stati.

Stelio Fergola

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. https://www.youtube.com/watch?v=ujN24qhtVKU
    In Italia invece non viene posticipato niente e passa tutto come il vento.. indipendentemente dai risultati, parlo a livello puramente “simbolico”.
    Mi permetto di notare le differenze. Di chi è la colpa di tutto quello che succede in Italia? Di moltissimi italiani.
    Abbiamo persino i finti oppositori nelle piazze, che dicono di “protestare ma con educazione” “pace e amore”. Infatti.. si sono visti i risultati.. Il dubbio che alcuni nelle piazze, siano vicini a Speranza e Papa francesco(vedere il caso che è stato scoperto di una persona legata al vaticano) non me lo toglie nessuno..
    Da noi è tutto finto.. persino “alcune” proteste-. Si chiama dissenso controllato.

    Attenzione: non sto dicendo che quella sia la soluzione, nemmeno un’altra.. tendo “solo” a notare differenze.
    Ad esempio: Era stato proposto, prima della approvazione del primo Green pass, uno sciopero totale di tutte le persone discriminate, ovvero ad Agosto.. Prima del pass per i bar.. erano un numero enormememente superiore ad adesso.
    Scioperi dei consumi.. blocco attività che avrebbero impensierito il governo(buone o cattive ne elenco diverse). Nessuna è stata mai seguita! Nessuno ha mosso un dito veramente.
    Risposte? noo.. “tanto non lo fanno” “tanto ci salva la costituzione- la giurisprudenza..” “qualcuno aveva fatto video fuffa che addirittura dicevano che Putin ci avrebbe bombardati e liberati” ahahah per dire a che livello di mistificazione si era arrivati.. si è visto infatti.. tutte notizie false, e intano il governo massacrava gli italiani, vincendo colpo su colpo. Dai tempi della Lorenzin.. quindi prima del Covid.. e poi dei lockdown di Conte.. è sempre passato tutto con il massimo appoggio degli alti costituzionalisti e giuristi.. Anche provvedimenti che in altri paesi vengono bloccati.
    Alcuni che si opponevano alle restrizioni e pass, mi sembravano addirittura in cattiva fede(intanto monetizzavano con i video) oppure semplicemente incapaci, non hanno mai chiesto scusa a chi li aveva finanziati(alcuni gli mandano pure donazioni!) per non averne azzeccata una.

    In conclusione: questo è ovviamente un filmato estremo.. ho dovuto usarlo “solo” per confrontare due estremi.
    P.s: è il mio personale parere.

Commenta