Roma, 8 apr – Le armi a Kiev arrivano pure dalla Slovacchia. Nello specifico, arriverà un sistema di Difesa, come riportato dall’Ansa.

Le armi a Kiev dalla Slovacchia

Non si parla di “armi” al plurale, ma di singolare, per il sostegno dato a Kiev dalla Slovacchia. Nella fattispecie, ci si riferisce al sistema di difesa aerea S-300. Il presidente slovacco Eduard Heger ha infatti scritto sul suo profilo Twitter quanto segue: “Vorrei confermare che la Slovacchia ha fornito all’Ucraina un sistema di difesa aerea S-300. La nazione ucraina sta difendendo coraggiosamente il suo paese e anche noi. È nostro dovere aiutare, non rimanere fermi e ignorare la perdita di vite umane” causate dall'”aggressione della Russia”.

Una fornitura costante

Fin dall’inizio del conflitto, dall’Occidente il sostegno militare a Kiev è stato ingente. Appena nella giornata di ieri, la Nato ha annuciato una crescita del numero di armi da inviare a Kiev, come riportato da RomaToday. Il segretario generale dell’Alleanza Atlantica Jens Stoltemberg così si era espresso: “I ministri hanno deciso di rafforzare il sostegno pratico ad altri partner minacciati dall’aggressione russa, comprese Georgia e Bosnia ed Erzegovina, per contribuire a rafforzare la loro resilienza”. Ingenti forniture dagli Usa, ma perfino dalla “piccola” Australia. Per non parlare del supporto dell’Ue, che sempre nella giornata di ieri è stato rafforzato con lo sblocco di altri 500 milioni di euro di aiuti militari al governo ucraino (come pubblicato sul Sole24Ore).

Alberto Celletti

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta