Il Primato Nazionale mensile in edicola

Muztagh_AtaCina, 4 ago – Riccardo Bergamini procede come da programma nella sua spedizione sul Muztagh Ata. Dopo aver raggiunto il campo base a quota 4420 metri (da gps), ha riposato un giorno per acclimatarsi e poi raggiungere il campo 1 (a 5436 metri, sempre secondo il gps). Qui  Bergamini ha iniziato a costruire più concretamente il tentativo di raggiungere la vetta della montagna. Al campo 1 infatti ha montato la tenda e portato il materiale per i ‘campi alti’, le tappe di avvicinamento alla cima.



Il Muztagh Ata tuttavia non ha fatto sconti, e fedele alla sua fama ha contrastato l’alpinista lucchese con vento forte e neve. Alla fine però la tenda è stata montata, e Bergamini è potuto ridiscendere al campo base. Dopo una notte in basso e poi tornato al campo 1 per dormirci, senza avere problemi di acclimatamento. Ha così proseguito per il campo 2, ad un’altezza di poco superiore ai 6200 metri. Qui ha subito passato la notte, da solo, in quanto il gruppo a cui si era aggregato ha preferito fermarsi più in basso.

Quest’altalena fra i campi è fondamentale per preparare sia il materiale necessario per raggiungere la cima, che il corpo. I passaggi fra le altezze dei vari campi fanno acclimatare il corpo, e dicono all’alpinista se avrà le gambe per tentare la vetta (e la schiena, visti gli oltre 15 chili dello zaino che si porta dietro).
Bergamini ha avuto le risposte che cercava, e per questo è tornato al campo base, ipotizzando di non montare il campo 3. Al campo base riposerà qualche giorno, ammirando da basso la vetta che tenterà a breve di guardare negli occhi.

Simone Pellico

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta