Il Primato Nazionale mensile in edicola

Cracovia, 28 giu- Quella che sulla carta sembrava essere la nazionale italiana under 21 di calcio più forte vede il suo sogno tramutarsi in incubo nella notte di Cracovia, sconfitta da quella che sembra veramente essere la squadra più forte: la Spagna che, battendo 3-1 gli Azzurrini con tripletta di Saul, si giocherà il titolo contro la Germania. Del resto contro una nazionale, quella iberica, che negli ultimi due anni e sette mesi ha perso una sola volta la sconfitta ci può stare.



Sicuramente l’Italia esce a testa alta, in virtù di un ottimo primo tempo a cui, complici la stanchezza ed il nervosismo- Gagliardini espulso al minuto 58 per doppia ammonizione in otto minuti- i ragazzi di Di Biagio non danno seguito. Effimero è il pareggio di Bernardeschi, che non fa altro che innervosire il toro rosso e oro che incorna l’Italia per altre due volte. È lui il vero leader della squadra, sinistro potente e preciso come un pugno di Carnera, non ci si deve stupire se Inter e Juve sono sulle tracce del giovane toscano.
Sicuramente tra i migliori dei suoi.

Di Donnarumma si è già parlato troppo e si nota: un europeo non entusiasmante per il diciottenne portiere del Milan che, nonostante ciò, saprà rendere ancora più calda l’estate italiana con la telenovela del rinnovo. Non dimentichiamo l’ottimo Conti o Pellegrini con quella fantastica rovesciata pronta per diventare il gol più bello della competizione.
Altro tassello importante della compagine azzurra è sicuramente Caldara.

Di questa sconfitta, dunque, non è tutto da buttare poiché alcuni di questi giovani sono destinati a proseguire la trafila delle nazionali fino a quella maggiore. Perdere contro la Spagna ci può tranquillamente stare e, per quanto possa consolare, si è usciti a testa alta. Nonostante tutto, dunque, un applauso va dedicato agli azzurrini che hanno combattuto nonostante fossero stati infilzati per ben tre volte dal torero dell’Atletico Madrid Saul.

Giacomo Bianchini



La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta