Roma, 19 ott – Sul caso Weinstein è arrivato puntuale l’accorato appello di Laura Boldrini ad Asia Argento. Dopo aver denunciato di aver subito abusi a Hollywood da parte del regista Harvey Weinstein, l’attrice ha dichiarato di volersene andare dall’Italia perché “anni di visione berlusconiana hanno portato all’umiliazione della donna”. Figurarsi se non saltava fuori Berlusconi in un caso del genere.

Ecco allora che il presidente della Camera, intervistato dal Corriere della Sera, non ha perso tempo per scongiurare questa terribile prospettiva: “Resta in Italia, non mollare, la gente è con te”, ha dichiarato la Boldrini che però ha ammesso di non aver chiamato Asia Argento perché in visita ufficiale in Canada e a New York. Certo, lo capiamo, era difficile trovare cinque minuti liberi per una telefonata. Anche perché la Boldrini era impegnata a discutere del suo tema preferito: l’accoglienza dei migranti. “Abbiamo parlato di Libia e degli sforzi per arrivare a un accordo tra le parti in causa. Il segretario (Antonio Guterres, segretario generale dell’Onu, ndr),  condivide la nostra preoccupazione per le condizioni dei migranti e dei richiedenti asilo in quel Paese. Stiamo lavorando insieme anche su questo versante”.

Il presidente della Camera, interpellata dal Corriere su Asia Argento, ha però preso la palla al balzo per rilasciare le solite dichiarazioni di un certo spessore: “E’ il momento di fare squadra tra donne. Ognuno lo può fare nel proprio ambito, nello spettacolo, come nella politica”. Al bando la banalità politicamente corretta insomma. La Boldrini ha poi precisato che “per quanto riguarda le molestie e gli stupri, il problema sono gli uomini e il loro comportamento… non è importante se e quando una donna decide di denunciare un abuso”.

Testuale. A meno che il redattore del Corriere della Sera abbia aggiunto incautamente un “non”, e ci permettiamo di dubitarne, la Boldrini ha proprio detto che non è importante per una donna denunciare un abuso. Può anche non denunciarlo, o al limite farlo dopo decenni. Tanto c’è semplicemente un “problema uomini”. Diamo quindi per scontato che gli uomini abusano delle donne e che le donne quindi possono pure far finta di nulla? Un cortocircuito impressionante, che soltanto la Boldrini poteva regalarci.

Eugenio Palazzini

Commenti

commenti

2 Commenti

  1. Non so di quale tipo di gente stia parlando.. e in quale percentuale. A quel che mi risulta, o la gente non sa manco chi sia questa asia, o tanto dalla sua parte non sta, al massimo se ne infischia

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here