Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 7 lug – Ogni scarrafone è bell’a mamma soja. E così da giorni “core de mamma” Selvaggia Lucarelli ci spiega sui social quanto suo figlio Leon sia una sorta di novello Bobby Sands, capace di insegnarci cosa significhi avere il “coraggio delle proprie idee” e finire così nel blocco H del carcere di Long Kesh – o semplicemente identificato da un paio di poliziotti ma non importa, lo spirito ribelle rimane – per aver osato ribadire quello che i media mainstream e il governo già sostanzialmente sostengono, ovvero che il leader dell’opposizione è un razzista. L’ultimo post di mamma Selvaggia è la ricondivisione di un post di Leon aka Bobby Sands, dove sostanzialmente “ringrazia tutti quelli che lo hanno difeso”, manco gli fosse toccato di andare a fare il latitante in Sudamerica.

Selvaggia e il “bodyshaming” contro un neonato

L’approccio sinceramente materno di Selvaggia Lucarelli ha colpito molto in questi giorni, tanto che sui social in parecchi sono andati a riprendere una vecchia diatriba tra la giornalista e Belen Rodriguez. Sì perché in barba a tutti i dettami del politicamente corretto, quelli per cui il “bodyshaming” nei confronti di un neonato è una sorta di eresia, la Lucarelli si è permessa di dire che il figlio dell’argentina era sostanzialmente…brutto. “Se po’ dì che si sono visti bambini più belli e che con una madre così, a Santiago je poteva andà meglio, o per punizione non riuscirò più a prendere sonno perchè le gemelline di Shining mi fisseranno ai piedi del letto fino al 2018? No perchè noi gli vogliamo bene uguale a Santiago, eh”, aveva scritto la Lucarelli sui social.

Lucarelli vs suocera di Belen

Un post che ovviamente generò la dura reazione del “clan Rodriguez”, con la suocera (Rosaria Scassillo, madre di Stefano De Martino), che in un post sgrammaticato si era giustamente incazzata per la derisione dell’amato nipote. Selvaggia rispose perculando la suocera di Belen: “Leggesse un giornale, di tanto in tanto, magari non userebbe il punto e virgola come se piovesse in Amazzonia”. Che poi la Lucarelli, prima di dare dell’analfabeta funzionale alla Scassillo, avrebbe fatto bene a controllare il suo post in cui sfotteva il figlio della Rodriguez, visto che una scrittrice di tale livello dovrebbe sapere che “perché” vuole l’accento acuto e non grave. La Lucarelli mise poi fine alla diatriba con il clan Rodriguez pubblicando un fotomontaggio del figlio di Belen e De Martino con la faccia di Brad Pitt. In ogni caso “core de mamma” Selvaggia vale solo quando il figlio è il suo.

Davide Di Stefano

3 Commenti

  1. E chi non sa usare la punteggiatura è analfabeta e basta. Gli analfabeti funzionali sono altri..