Il Primato Nazionale mensile in edicola

antonio gozziBruxelles, 15 mar – Antonio Gozzi,amministratore delegato di Duferco e presidente di Federacciai, l’organizzazione di Confindustria che riunisce le imprese siderurgiche italiane, è stato arrestato ieri dalla polizia belga nell’ambito di un’operazione volta a contrastare episodi di corruzione internazionale.

Insieme a Gozzi è finito in manette anche Massimo Croci, dirigente della stessa Duferco, gruppo internazionale originario del Brasile ma con sede a Lugano e attualmente controllato dalla cinese Hebei Iron and Steel Group. La società impiega oltre 3000 dipendenti. Secondo le accuse, Gozzi avrebbe corrotto alcuni funzionari del governo del Congo al fine di ottenere appalti nel paese africano.

L’indagine non è recente ma ha visto, a fine febbraio, finire in manette anche l’ex ministro dell’economia vallone ed attuale sindacao di Waterloo, Serge Kubla, poi immediatamente scarcerato. Gozzi e Croci si erano recati a Bruxelles proprio per testimoniare in merito alla vicenda, ma una volta giunti nella capitale del Belgio sono stati tratti in arresto. “Questo modo di procedere non può essere definito se non come un mezzo di pressione inammissibile”, commentano dal gruppo Duferco, definendo “stupefacente” l’arresto.

Preoccupazione anche dal mondo del calcio, visto che Gozzi è presidente della Virtus Entella, squadra di calcio di Chiavari che milita nel campionato di metà classifica. “In attesa di dimostrare la sua inequivocabile e totale estraneità alla vicenda è stato trattenuto a Bruxelles per completare la ricostruzione dei fatti. Confidiamo in un rapido accertamento della verità da parte della giustizia belga e aspettiamo il Presidente per la partita di sabato: Entella-Catania”, scrive la società in una nota.

Filippo Burla

1 commento

Commenta