divorzioRoma, 13 apr – Niente assegno di mantenimento per chi, dopo il divorzio, si è fatto una nuova famiglia, anche se si tratta di una “famiglia di fatto”. Lo stabilisce la Cassazione, che spiega: “Il parametro dell’adeguatezza dei mezzi rispetto al tenore di vita goduto durante la convivenza matrimoniale non può che venir meno di fronte all’esistenza di una vera e propria famiglia, ancorché di fatto”.

Il principio era già stato puntualizzato con la sentenza 17195 del 2011, nella quale la Cassazione aveva stabilito che entrare a far parte di una famiglia di fatto significava vede decadere la necessità economica del mantenimento da parte dell’ex coniuge (secondo le statistiche a pagare è quasi sempre l’uomo). In quel caso però si specificava che la novità era temporanea e non automatica.

Con la sentenza 6855 del 3 aprile 2015, invece, la Prima sezione civile della Cassazione chiarisce che la famiglia di fatto non consiste “soltanto nel convivere come coniugi, ma indica prima di tutto una ‘famiglia’ portatrice di valori di stretta solidarietà, di arricchimento e sviluppo della personalità di ogni componente, e di educazione e istruzione dei figli”. La prossima tappa per dare una cornice normativa più salda alle unioni fuori dal matrimonio potrebbe essere ora un adeguamento del sistema previdenziale.

Roberto Derta

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here