Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 10 nov – «Il 15-20% dei pazienti ospedalizzato poteva essere curato a casa se ci fossero stati dei protocolli e un’organizzazione adeguata della medicina territoriale». Ne è convinto, dati alla mano e sulla base dell’esperienza diretta nel reparto di infettivologia che dirige, il professor Matteo Bassetti. Intervenuto a L’aria che tira hafotografato la situazione attuale puntando il dito contro gli «esperti» del Cts colpevoli di non aver stilato dei protocolli per le cure domiciliari. La mancanza di tali protocolli e il clima di allarmismo diffuso dai media filogovernativi, hanno provocato l’assedio e il collasso delle strutture ospedaliere dello Stivale.  Come del resto Bassetti aveva già predetto ad agosto.

Mancano i supporti domiciliari

«Stiamo vedendo un aumento dei contagi e buona parte di questi contagi si riversa sugli ospedali. C’è stato un problema di organizzazione – spiega –. Se è vero che molti pazienti hanno bisogno di cure ospedaliere, ce ne sono altrettanti che sarebbero rimasti a casa se avessero avuto un supporto domiciliare, con protocolli chiari e dei medici preparati che li andavano a visitare e che li tenevano collegati agli ospedali»

Il 15-20% andava curato a casa

Bassetti ne approfitta per difendersi dai propri detrattori. «Perché quando qualcuno parla, parla senza essere negli ospedali e andare nei pronto soccorso. Ogni mattina – prosegue – ho un briefing per stabilire quanta gente è arrivata al pronto soccorso e quante persone di queste potevano essere curate a casa. Almeno il 15-20% dei pazienti ospedalizzate poteva essere curato a casa, se ci fossero stati dei protocolli e un’organizzazione adeguata della medicina territoriale».

E poi conclude chiedendo di conoscere i criteri con cui sono stati scelti i membri del Cts: «I direttori dei ministeri, come hanno fatto carriera? Voglio capirlo perché io, da cittadino – prima che da medico – voglio capire chi gestisce gli aspetti sanitari del Covid. Voglio sapere con che criteri sono stati scelti. il Cts ha deciso a quanti cm dovessero essere distanziati gli ombrelloni sulla spiaggia per evitare il contagio….non poteva suggerire chi e come curare a casa i pazienti?»

Cristina Gauri

La tua mail per essere sempre aggiornato

5 Commenti

  1. Bassetti è un leccapiedi della Lorenzin… Quindi non vede l’ora del santo vaccino. È stipendiato anche lui da bigpharma??

Commenta