Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 8 dic – Laura Boldrini denuncia il leader della Lega Matteo Salvini «per una massiccia strumentalizzazione della mia persona attraverso una campagna d’odio che non ha precedenti. Massiccia e duratura, e dai toni virulenti». Lo ha rivelato oggi in un’intervista al Corriere della Sera.  

La Boldrini denuncia Salvini

«Ho intrapreso un’azione legale contro Matteo Salvini, una causa civile al tribunale di Milano per risarcimento danni», annuncia, per aver associato il suo nome «ai crimini commessi dai migranti, come se io avessi la responsabilità di quelle azioni delinquenziali. Ma per capire dovremmo andare con ordine». Laura Boldrini spiega che quando la Lega era al 4% nel 2013, «Salvini per risollevarne le sorti decise di scagliarsi contro i migranti e aveva anche bisogno di un capro espiatorio politico. Allora decide di prendere me come bersaglio politico», è la sua interpretazione dei fatti.

Lo stile di vita che presto sarebbe stato il nostro

Naturalmente tutti ci ricordiamo delle minacciose affermazioni sullo «stile di vita degli immigrati che presto sarebbe stato il nostro» che introduceva, a mò di cavallo di Troia, il concetto della sostituzione e dello stile di vita atomizzato e liquido tanto caro al pensiero globalista: «E i migranti oggi sono l’elemento umano, l’avanguardia di questa globalizzazione. E ci offrono uno stile di vita che presto sarà uno stile di vita molto diffuso per tutti noi, loro sono l’avanguardia di quello… dello stile di vita che presto sarà uno stile di vita per moltissimi di noi».

Boldrini, il capro espiatorio

Ma la ex presidente della Camera pare non volersi assumere la responsabilità di tali dichiarazioni e preferisce vittimizzarsi: «Avevo lavorato 15 anni all’Unhcr, l’Alto commissariato dell’Onu per i rifugiati. Quindi, Salvini e la Lega inventano una narrazione distorta del mio pensiero sull’immigrazione. Sostengono che io volevo l’invasione degli immigrati, la sostituzione etnica, un’immigrazione indiscriminata. Poi arrivano alla sintesi con uno slogan che non ha mai smesso di perseguitarmi, le risorse boldriniane».

“L’odio non finisce mai”

Perché solo ora la denuncia? «Perché la campagna non finiva mai. Non finisce mai. Da quando nel 2018 ho smesso di fare la presidente della Camera ho cominciato a denunciare penalmente alcuni autori di post sui social. Singoli post, singole denunce». Del resto, quando si batte sempre sullo stesso tasto aprendo bocca per esaltare i fenomeni migratori, senza la minima preoccupazione per le sorti dei propri connazionali – che le pagano lo stipendio – qualche malumore lo si può pure mettere in conto.

Le boldrinate

Salvini, precisa la Boldrini, «aveva fatto una montagna di post. Ho sperato che con la fine della mia carica istituzionale potesse finire anche la campagna d’odio. Siamo arrivati all’apice di quello che è successo qualche giorno fa alla Camera». E racconta dell’alterco con l’onorevole Belotti: «Stavamo discutendo in aula il decreto immigrazione e dai banchi della Lega si è alzato un deputato, Daniele Belotti, che ha detto “questa è una boldrinata spiegando che voleva dire l’insieme delle azioni tese a favorire l’immigrazione di massa, specie islamica, al fine di eliminare l’identità italiana e giungere alla sostituzione etnica. Ho capito che tornavo ad essere usata come bersaglio e a questo punto ho detto basta».

Cristina Gauri

La tua mail per essere sempre aggiornato

7 Commenti

  1. questa patetico simulacro di donna,dovrebbe guardarsi allo specchio e sputarsi in faccia prima di parlare.

    perchè semmai siamo noi uomini che ci sentiamo odiati e discriminati da lei e da tutte le nazifem come lei….
    con la differenza che fino ad ora,noi uomini NON facciamo leggi di genere che vi discriminano:
    abbiamo anzi operato quasi sempre a vostro vantaggio e spesso contro i nostri interessi di genere,
    pur di aiutarvi.

    ma voi donne non avete rispetto nè educazione,quando vi riferite a noi
    e nemmeno memoria e riconoscenza,quindi credo che un giorno di questi
    il vostro comportamento avrà delle conseguenze:

    arriverà al potere qualcuno che la pensa come me,e che si è rotto le scatole
    del vostro “chiagni e fotti”
    del vostro costante vittimismo,della vostra colpevolizzazione a senso unico,
    della vostra continua pretesa di diritti sganciati dai doveri….
    e non vede l’ora di rendervi pan per focaccia.

    allora capirete davvero,cosa vuol dire
    “parità”
    quando vi troverete DAVVERO a vivere la vita come la viviamo noi:
    senza alcuna pietà.

  2. similmente,se il suo nome è diventato sinonimo di discriminazione degli italiani rispetto agli stranieri,
    è perchè tutti noi italiani ci sentiamo danneggiati dal suo operato istituzionale,
    dalla sua carriera politica e dalle sue idee….

    era ovvio,che sarebbe arrivato il rigetto.
    ed è molto fortunata,tutto sommato…
    che fino ad ora il rigetto è solo verbale.

    perchè in questo paese ci sono ormai milioni di persone direttamente danneggiate
    dalla criminalità e dal dumping salariale extracomunitario…
    portato in italia DA LEI,E DA GENTE COME LEI:
    e crede di poterne evitare la responsabilità?

    si sta illudendo:
    per averne prova,gli basta
    andare un pò in giro senza scorta,se ne ha il coraggio….
    andare in mezzo alla gente,
    quella stessa gente che non ha difeso nè rispettato.
    che venga a vedere che cosa pensiamo DAVVERO,di lei,
    di tutti loro….e del loro operato.

  3. Premesso che BOLDRINATA è ormai di USO COMUNE ….. ma ….
    serve Salvini per provare disprezzo per questo personaggio ?????

    Basta guardarla , la classica faccia da stronza di quella che si CREDE la
    “prima della classe” anche se arriva al massimo al 6,5 , trasformato in 7
    (non certo un gran voto) dalle prof cui leccava il culo !

    Ma si , ha scritto presidentA , ma è stata una svista … svista che . a me e
    ai NON LECCHINI sarebbe costata un 4 ! Due righe blu e due righe rosse ……

    Ho adorato quelle BRAVE davvero , spesso pure “modeste” , non SBùRONE come la Sboldra !
    Loro studiavano e facevano i compiti …. io, fancazzista , prendevo bei voti
    , e MAI avrei copiato dalla sboldra , avrei beccato un sacco di esami …..

    IgnorantA ma spocchiosa ….. a chi può risultare simpatica ????

    Ah già ,agli spacciatori Nigeriani !!!!!

  4. Questa malata mentale nullafacente non e nessuno soo una marionetta del pedoSoros e compagnia deforme lei e tutta la feccia di italiavia sono solo marionette di pedomassoni satanisti infami che si annidano nella nazione ormai assaltata da negri e culattoni!

  5. Leggendo, nell’articolo, le parole della dottoressa Laura Boldrini:

    « […] questa è una boldrinata” spiegando che voleva dire l’insieme delle azioni tese a favorire l’immigrazione di massa, specie islamica, al fine di eliminare l’identità italiana e giungere alla sostituzione etnica. Ho capito che tornavo ad essere usata come bersaglio […] »

    Mi è venuto in mente questo (era il 2014):

    https://www.youtube.com/watch?v=E7QePDmPHfk

  6. Mi pareva strano che non fosse il tribunale di Milano…, dove restano bruciate pure le carte processuali senza alcun dubbio di dolo.

Commenta