Il Primato Nazionale mensile in edicola

Bologna, 27 mag – Dopo 3 tamponi negativi, nello staff del Bologna Calcio è stata registrata una “sospetta positività” al coronavirus. Ne ha dato notizia lo stesso club calcistico, precisando che il caso sarebbe emerso nell’ultima serie di test a cui è stato sottoposto il gruppo-squadra. Lo riporta Ansa. Per la squadra felsinea scattano quindi nuovamente gli allenamenti individuali, come previsto dal protocollo calcistico nel merito delle misure di distanziamento per il coronavirus: “In attesa di ulteriori approfondimenti, la squadra in via precauzionale riprenderà domani gli allenamenti in forma individuale e ad orari differenziati senza uso di locali comuni. Nel caso in cui fosse confermata la positività, il gruppo-squadra sarà isolato in ritiro”, fa sapere la società.La sospetta positività dovrà essere confermata o non-confermata nella giornata di domani.

Il Bologna, passata la fase degli allenamenti individuali, aveva ricominciato dalla settimana scorsa ad allenarsi in gruppo, e nei giorni scorsi aveva giocato la prima partitella in campo agli ordini di Sinisa Mihajlovic. Desta ora preoccupazione la scoperta del sospetto caso positivo, dal momento che, in seguito a una diagnosi di leucemia, l’allenatore della squadra era stato sottoposto mesi fa ad un’operazione di trapianto del midollo. Pur in via di guarigione, il sistema immunitario del tecnico serbo rimane fragile. Il Bologna ha fatto sapere di avere sospeso gli allenamenti “in via precauzionale.” L’ultima versione del protocollo approvata dal Comitato tecnico scientifico prevede lo stop anche agli allenamenti individuali e l’isolamento di atleti e tecnici in caso di confermata positività.

Cristina Gauri