tunisiniRagusa, 3 mag – Hanno ucciso a sprangate lui e violentato per tutta la notte lei: una banda di tunisini ha seminato il terrore in provincia di Ragusa quando, il 26 aprile scorso, ha pensato bene di svoltare la serata compiendo un crimine di rara efferatezza.

Tutto comincia alla discoteca “Playa del Sol” di Scoglitti, frazione marinara di Vittoria (Rg). Qui Nizar Brahim 23 anni, Marouane Tebra, 27 anni, Anwari Tebra di 23 e Hamdi Boukhobna 24 anni, braccianti agricoli tunisini, vengono cacciati perché ubriachi e molesti con le donne presenti nel locale.

Una volta fuori dalla discoteca i quattro, decisamente su di giri, non pensano minimamente ad andare a casa. A farne le spese è Nicu Radicanu, romeno di 38 anni, pure lui bracciante agricolo, appena uscito dal locale insieme alla propria compagna di di 53 anni.

I due vengono presi di mira dal gruppetto. L’uomo viene colpito con una spranga e gettato a terra mentre la donna finisce nelle mani del branco. “Ci hanno assaliti alle spalle – ha raccontato lei – Un nord africano ha colpito Nicu e un altro mi ha tappato la bocca. Un altro uomo mi ha spogliato e poi a turno mi hanno violentata. Un quarto uomo dopo l’omicidio è scappato. Poi minacciandomi con una spranga di ferro mi hanno portato nuda vicino un casolare abbandonato nei pressi di una serra e lì mi hanno violentato di nuovo. Poi verso le 7 del mattino mi hanno abbandonata minacciandomi che se avessi denunciato le violenze mi avrebbero uccisa”.

Dopo giorni di indagini, gli inquirenti sono riusciti a ricostruire l’identità dei quattro e ad arrestarli. I quattro, che hanno confessato davanti al pm, sono stati condotti nel carcere di Ragusa. Raggelanti le loro deposizioni: “Eravamo ubriachi, lo abbiamo fatto così tanto per farlo; pensavamo non ci avreste trovati, qui in campagna chi poteva aver visto”.

Roberto Derta

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

2 Commenti

  1. Poi quando che devomo morire in una pozza di sangue e buttarli in pasto ai porci sbagliamo vero?

    Italiani teste di cazzo, continuate a far entrare porci del genere, pensate se fosse capitato a voi.. sono razze bastarde, dei parassiti che devono essere sterminati, si dovrebbero aprire i campi di stermineo per merde di questi paesi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here