Roma, 23 nov – Renato Brunetta non si trattiene, si agita, scalpita e finisce per scagliarsi contro tutti i non vaccinati. “Se ci saranno delle restrizioni, dovranno riguardare solo quelli che non sono vaccinati, cioè gli egoisti“, tuona il ministro della Pubblica Amministrazione a Tgcom24, durante Fatti e Misfatti.



Brunetta e i non vaccinati “egoisti”

“Chi non vuole vaccinarsi – prosegue Brunetta – dovrà fare casa-lavoro. Quindi niente cinema, teatro, sci, albergo, ristorante… Perché metterebbe in pericolo gli altri. Chi invece è vaccinato – la semplifico molto – ha il via libera a tutto, perché ha fatto una scelta di responsabilità e non di egoismo“. Inutile fargli presente che di fronte al virus si rivelano un po’ tutti egoisti, vaccinati e non. Tentare di spiegare a Brunetta il senso de L’unico e la sua proprietà stirneriano temiamo però sia contemplabile tanto quanto pretendere un bagno di umiltà da Scanzi.

Il ministro forzista anticipa così i piani del governo che dovrebbero essere svelati ufficialmente domani. Lo fa con quel tono paternalistico da maestro elementare vecchio stile, come se stesse parlando a dei bambini capricciosi anziché ai cittadini italiani. D’altronde ormai gli italiani sono abituati alle bacchettate di governo già dai tempi del secondo governo Conte, dunque Brunetta non fa altro che seguirne la traccia, aggiungendo giusto un po’ di fastidioso pepe.

“Un ragionamento di buon senso”

A chi, come Cacciari, fa notare che così procedendo l’esecutivo guidato da Mario Draghi calpesta il diritto costituzionale, il ministro replica poi stizzito: “Tutt’altro”, perché “la scelta di vaccinarsi, difendendo sé stessi dentro una comunità, è la migliore scelta di libertà. E, tra l’altro, fa funzionare anche l’economia. È un ragionamento di buon senso che dice ai non vaccinati: ‘tenetevi le vostre opinioni, ma non potete mettere a rischio gli altri. Quindi casa, tampone per il lavoro e poi state a casa, tranquillamente, a guardare la televisione'”. Alla faccia del buon senso, del giusto equilibrio e della non discriminazione.

Alessandro Della Guglia

La tua mail per essere sempre aggiornato

9 Commenti

  1. Un Giudice: …..cosa vuol dire avere un metro e mezzo ed anche meno di statura…..e’ una carogna di sciuro ed il perche’ lo sapete. Anzi Lui e’ solo bus del gnao. E quello che e’ peggio viene ad ammorbare l’aria a qualche chilometro da me. Uno di questi giorni dovro’ fare un giretto in certi boschi, dove girano certe piccole creature. Nei boschi ci si va con il “roncio” che in questi casi basta ed avanza.

  2. Certo che sentire parlare un ricco(basta leggere quanti soldi prende alla faccia dei cittadini onesti.. il suo reddito si trova online), ultraprivilegiato, opportunista, nano che dovrebbe lavorare al circo, che chiama “egoista” gente che, a volte a stento arriva a 1000 euro al mese di stipendio.. Gente che difende una libertà di scelta che è prevista anche dalla legge.. fra l’altro(non c’è alcun obbligo). Gente che lavora realmente al contrario di lui.. pagando con le proprie tasse anche il suo vergognoso stipendio! (se fossi o a decidere come usare i soldi pubblici, lui potrebbe solo andare a spalare mer..) e questa gente deve pagare anche centinaia di euro in tamponi da scalare allo stipendio, perchè mentre in altri paesi “civili” i tamponi sono gratuiti o costano pochissimo, o non sono obbligatori per il lavoro comunque.. in Italia esiste il ricatto mafioso, fatto da ricchi verso i poveri, hanno messo un “pizzo di stato” in più.. e molto caro.. Lo stesso che voleva addirittura aumentare il costo dei tamponi..
    Quello che attaccava qualche dipendente precario che prendeva un ventesimo di quello che paghiamo a lui.. chiamandolo privilegiato.. Come fanno i padroni con gli schiavi, ve lo ricordate? Beh: per avere le sue uscite “da bar” che anche il peggior ubriaco barbone di strada farebbe meglio, a volte.. si potrebbe davvero risparmiare e dare un lavoro a persone che lo meritano.
    Sentire parlare “proprio” lui di “egoismo” è come sentire parlare Rockefeller lamentarsi di una sua ipotetica povertà. Talmente ipocrita da non poter essere preso seriamente da chiunque abbia un minimo di..
    è vergognoso il punto basso nel quale l’informazione italiana è arrivata.
    Penoso davvero..

  3. Il bue che dice cornuto all’ asino. Un venezia a tal punto che neppure i veneziani lo hanno voluto come sindaco. Per questo rifiuto popolare hanno pensato bene di riproporcelo più inacidito di prima.

  4. Non capisco il discorso di Brunetta.

    Asserisce che i non vaccinati mettano in pericolo gli altri. Ma gli altri chi? I vaccinati? E se i vaccinati sono a rischio, a che gli è servito vaccinarsi?

    Ah… è vero, si dice che i vaccini offrano una copertura solo per alcuni mesi. Ma allora perché ad un vaccinato che può comunque ammalarsi dopo alcuni mesi dall’iniezione – esattamente come può capitare ad un non vaccinato – viene riconosciuto il diritto di partecipare alla vita sociale e invece questo diritto dovrebbe essere negato a chi ha deciso di non farsi in(o)culare?

    • Questo tizio è un maledetto sociopatico, frustrato per le attenzioni a lui riservate da madre natura. Trova terreno fertile in questo gruppo di mascalzoni, traditori della Patria.

  5. Per egoismo si intende un insieme di atteggiamenti e comportamenti finalizzati unicamente, o in maniera molto spiccata, al conseguimento dell’interesse del soggetto che ne è autore, il quale persegue i suoi fini anche a costo di danneggiare, o comunque limitare, gli interessi del prossimo.
    Definizione di Wikipedia.

  6. Un essere spregevole, non solo dal punto di vista fisico, ma anche per l’ aura mefistofelica che emana. Vero è che sta in buona compagnia. Una compagnia di delinquenti, traditori della Patria, che dovrebbero essere passati a fil di lama, per le aberrazioni che stanno producendo da due anni a questa parte. E purtroppo per noi non si è ancora toccato il fondo. Però alla fine più che con loro me la prendo e di brutto con la moltitudine di connazionali collaborazionisti. Brutti ceffi ipocondriaci che hanno sacrificato la libertà per non si sa che cosa. Che siate maledetti in eterno, branco di vigliacchi. Di badoglioni insomma, che è la caratteristica primaria del nostro disgraziato popolo.

  7. e sticazzi a me i ristoranti mi hanno avvelenato e non ci vado piu’ i cinema hanno le poltrone piene di acari e virus,i bar non lavano le tazzine e pigli l’epatite i teatri fanno schifo con gli attori di merda che abbiamo in italia sti cazzi brunetta te’ pigliati sta scoreggia! prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr

Commenta