Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 17 lug – Cadaveri sezionati con un coltello, letteralmente fatti a pezzi e poi gettati nell’ossario comune. Non è un film dell’orrore, ma è quanto accadeva al cimitero Flaminio, per i romani comunemente noto come Prima Porta, tra gennaio e febbraio scorso. A pubblicare le immagini scioccanti è Il Messaggero, un video che immortala lo scempio: alcuni dipendenti dell’Ama, la municipalizzata capitolina dei rifiuti, sezionano una salma tra i loculi del cimitero Flaminio. La tagliano con un coltello, poi gettano i resti nell’ossario come se nulla fosse. Il tutto in pieno giorno. A piazzare le videocamere che incastrano gli operatori ecologici sono stati i carabinieri del nucleo radiomobile.

La Procura rinvia a giudizio 15 persone

Il video è stato fondamentale per gli inquirenti. La Procura di Roma chiederà infatti il rinvio a giudizio per 15 persone, dipendenti dell’ama e impresari funebri, con le accuse di truffa, corruzione, induzione alla corruzione e ovviamente vilipendio di cadavere. Il Pm titolare dell’inchiesta è Pietro Polidori. Il “sistema” funzionava così: dopo 30 anni scade il tempo di permanenza della bara a Prima Porta, il che comporta l’estumulazione e il trasferimento dei resti nell’ossario comunale. Alcune volte però il cadavere si conserva in condizioni migliori del previsto. A quel punto ai parenti del defunto veniva chiesto di pagare la cremazione. E qui che entrano in gioco gli impresari funebri che, con la complicità di alcuni operatori Ama, propongono alla famiglia un modo per “spendere di meno”: evitare la cremazione facendo a pezzi il cadavere in pieno giorno in mezzo agli altri loculi.

Sembra che i parenti dei defunti fossero all’oscuro delle modalità utilizzate. Per gli operatori Ama l’offesa ai cadaveri era solo un modo come un altro per arrotondare lo stipendio.

Davide Romano

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

  1. Ergastolo???? esagerato. Pensa che i brigatisti rossi con centinaia di omicidi a sangue freddo sono liberi e beati e alcuni insegnano nelle universita’ e uno lo hanno assunto anche alla rai. E a questi poveri operai vuoi che gli diano l’ergastolo, ma su vala’.

Commenta