Il Primato Nazionale mensile in edicola

Catania, 12 ott – Prosegue la campagna che da Nord a Sud per la liberazione dei pescatori italiani rapiti in Libia da oltre un mese. Dopo che in questi giorni numerosi esponenti politici ma anche semplici cittadini hanno aderito alla campagna social #liberateipescatoriitaliani, ieri mattina si è svolta una manifestazione a Catania. 

Decine di cittadini si sono ritrovati all’ingresso del parcheggio dogana del porto della città etnea, per mostrare la propria solidarietà ai pescatori di Mazara del Vallo rapiti dalle milizie di Haftar. E anche per mandare un messaggio chiaro a questo governo che non sta facendo abbastanza, come sottolineato con forza anche dall’ammiraglio De Felice.

Bandiere, mascherine tricolori e fumogeni nel tentativo di dare risalto ad una vicenda finita in un cono d’ombra mediatico, causato dal silenzio delle istituzioni. La sorte dei nostri connazionali rapiti merita senz’altro di avere ben altra risonanza ma soprattutto un intervento deciso da parte dell’esecutivo.

Davide Romano

1 commento

Commenta