Roma, 22 ott – Il Centenario del Milite Ignoto macchiato da una clamorosa gaffe social della Presidenza del Consiglio? E’ quanto si evince da un manifesto che circola su Twitter e in cui compaiono in primo piano soldati americani con sullo sfondo una cartina storica… della Colombia. Il manifesto sarebbe stato pubblicato inizialmente proprio sul profilo Twitter della Presidenza del Consiglio e poi da questa rimosso in seguito alle contestazioni. Urgono quindi chiarimenti. Ma vediamo intanto nel dettaglio la locandina incriminata.



Milite Ignoto: una clamorosa gaffe della Presidenza del Consiglio?

Molti utenti hanno protestato, comprensibilmente indignati, facendo notare errori affatto trascurabili. Anziché soldati italiani della Grande Guerra, sulla locandina in questione si notano militari degli Stati Uniti, con divise oltretutto ben più recenti rispetto al periodo della Prima Guerra Mondiale. Per l’esattezza la locandina sembra ritrarre soldati di Portorico, isola caraibica nonché territorio non incorporato degli Stati Uniti d’America, durante la guerra di Corea (1950-1953). “Lo Stato Italiano celebra il centenario del #militeignoto mettendo nella locandina ufficiale un soldato americano della seconda guerra mondiale. Povera Patria”, tuona un utente su Twitter. Non si tratterebbe neppure del secondo conflitto mondiale, ma tant’è. “Che pena, neanche per il Centenario del Milite Ignoto sono in grado di fare qualcosa di buono”, fa notare un altro utente.

Sbagliata pure la mappa: è della Colombia

Come se non bastasse, neppure la mappa geografica è azzeccata. Basti notare alcuni particolari. Ad esempio si legge: Cartagena. Nota città colombiana, quest’ultima, capitale del dipartimento di Bolivar. Resta dunque un mistero pure sul collegamento tra una vecchia cartina di una nazione sudamericana e la guerra combattuta dagli Usa nella penisola coreana. Errori su errori insomma.

“Il viaggio del Milite Ignoto è stato un percorso di grande unificazione del Paese. Oggi va rivissuto con lo stesso spirito. Se c’è qualcosa che si è rafforzato nel corso dell’anno alle nostre spalle è proprio il senso di comunità nazionale”, dichiarò a giugno il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, durante l’apertura delle celebrazioni per il centenario del Milite Ignoto. Belle parole, peccato che in realtà oggi il Milite Ignoto sia più che altro ignorato dalle autorità italiane. O almeno è misconosciuta la sua storia. La storia di chi diede la propria giovane vita per la patria, gettando il cuore oltre le trincee.

Alessandro Della Guglia

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta