Il Primato Nazionale mensile in edicola

Pechino, 6 gen – La Cina ha negato l’ingresso a un team di esperti dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) che sarebbero dovuti arrivare nel Paese per indagare sulle origini del coronavirus.



La visita dell’Oms in Cina

Un anno dopo l’inizio dell’epidemia, gli esperti dell’Oms erano attesi in Cina per una visita finalizzata ad esplorare le origini del coronavirus. L’Oms ha affermato che la Cina ha concesso il permesso per una visita dei suoi esperti, con un team di 10 persone che doveva questa settimana, ma prima che la maggior parte potesse anche solo iniziare il viaggio, ha dovuto affrontare dei blocchi, con Pechino che non ha ancora concesso loro l’ingresso.

Ryan (Oms): “Questione logistica”

Il direttore delle emergenze dell’Oms Michael Ryan ha detto martedì che il problema era la mancanza di autorizzazioni per i visti, aggiungendo che sperava che fosse una “questione logistica e burocratica da risolvere  molto rapidamente”. Il capo dell’Organizzazione mondiale della sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus, in una rara critica a Pechino, afferma che i membri del team scientifico internazionale hanno iniziato nelle ultime 24 ore a partire dai loro paesi d’origine verso la Cina come parte di un accordo tra l’Oms e il governo cinese.

“Molto delusi”

“Oggi abbiamo appreso che i funzionari cinesi non hanno ancora finalizzato le autorizzazioni necessarie per l’arrivo della squadra in Cina”, ha detto in una conferenza stampa martedì a Ginevra. “Sono molto deluso da questa notizia, dato che due membri avevano già iniziato i loro viaggi e altri non hanno potuto viaggiare all’ultimo minuto”, ha detto Tedros ai giornalisti a Ginevra, in un raro rimprovero a Pechino da parte dell’organismo delle Nazioni Unite.

“Non si tratta di trovare un colpevole”

Il team dell’Oms ha promesso di concentrarsi sulla scienza, in particolare su come il coronavirus è passato dagli animali – ritenuti pipistrelli – agli umani. “Non si tratta di trovare un paese colpevole o un’autorità colpevole,” ha detto alla nuova agenzia AFP Fabian Leendertz del Robert Koch Institute, l’ente centrale tedesco per il controllo delle malattie che sarà tra la squadra da visitare. “Si tratta di capire cosa è successo per evitarlo in futuro, per ridurre il rischio.”

Ilaria Paoletti



La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. questo comportamento PUZZA come la carogna di un pescecane.

    e visto che la puzza NON mi piace,da questo momento io taglierò OGNI acquisto di merci di quel paese,
    nonchè ogni progetto futuro di turismo in cina.

Commenta