Siracusa, 15 gen – Un’altra vittima del folle decreto che cancella i confini e confina gli italiani: un 12enne non vaccinato resta bloccato in Sicilia perché senza super green pass. Ha compiuto gli anni il giorno prima dell’entrata in vigore del decreto che impone l’obbligo di certificazione verde versione super per spostarsi in Sicilia e Sardegna. Ora il ragazzino non può tornare dalla madre nonostante il tampone negativo.

Compie 12 anni il giorno prima dell’entrata in vigore dell’obbligo di super green pass: bloccato in Sicilia perché senza vaccino

E’ di ieri la notizia dell’agente di commercio palermitano autorizzato dal tribunale a tornare a casa dopo che è rimasto bloccato per giorni perché senza super green pass. Le compagnie di navigazione non lo facevano imbarcare con la sua auto per tornare in Sicilia. Alla fine i giudici hanno ordinato l’imbarco. Ora scopriamo il caso di un 12enne, bloccato a causa dello stesso assurdo decreto che consente gli spostamenti tra regioni con mezzi privati ma non se a bordo dei traghetti. Il decreto insomma, come denuncia anche CasaPound Italia in manifestazioni in tutto il Paese, discrimina chi vive nelle isole. Il ragazzino non può tornare in aereo dalla madre a Milano. A denunciare la vicenda è il padre, un 46enne di Noto, provincia di Siracusa.

Il padre: “Sono vittima dell’ignoranza e della mancanza di elasticità”

“Sono vittima di una ignoranza che dilaga, e della mancanza di elasticità da parte di alcuni“, spiega l’uomo, separato e con un figlio in affido condiviso con la ex moglie che vive a Milano. Il giudice ha stabilito i periodi di vacanza che la coppia rispetta per il bene del bambino. “Dal 3 al 9 gennaio mio figlio è stato in Sicilia con me – spiega il padre -. Proprio il giorno 9 ha compiuto 12 anni ed il giorno dopo era previsto il volo di rientro a Milano. Quando il 10 gennaio siamo arrivati in aeroporto ho mostrato i documenti ed il risultato negativo del tampone molecolare ma l’addetto della Sac (la società di gestione dell’aeroporto, ndr) mi ha detto che non poteva imbarcarsi”. Infatti “il Dpcm, che era entrato in vigore proprio quel giorno, autorizza l’imbarco solo a dodicenni vaccinati“.

Il bambino subito vaccinato dovrà aspettare 15 giorni per avere il green pass e tornare dalla madre a Milano

“Ho fatto presente che il tampone era negativo, che il bambino doveva rientrare a scuola ma soprattutto che c’è una sentenza del giudice che stabilisce i giorni in cui mio figlio può stare con me e che io non posso violare per non avere conseguenze penali”, riporta l’uomo. Ma non c’è stato nulla da fare. Il bambino è stato subito vaccinato, ma la certificazione che gli consentirà di partire la potrà avere solo dopo 15 giorni. “Anche se è contento di stare con me e con i nonni sta perdendo giorni di scuola per colpa dell’ignoranza”, conclude.

Ludovica Colli

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta