Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 28 mag – Mauro Corona è stato ripreso e bacchettato da Bianca Berlinguer. Il motivo? Le labbra della Azzolina, l’attuale ministro dell’Istruzione. Durante la scorsa puntata di Cartabianca, infatti, la conduttrice del programma ha posto diverse domande al noto scrittore e alpinista, tra cui una sulla scuola. La Berlinguer ha chiesto a Corona di commentare le voci che vorrebbero una riapertura scaglionata degli istituti scolastici, partendo dagli alunni più piccoli per arrivare infine ai ragazzi delle superiori. A quel punto, un Corona molto perplesso si concentra sulle labbra del ministro pentastellato: «Non saprei perché, ma io della ministra non comprendo neanche certe labbra rosse, delle labbra improponibili. Un ministro con delle labbra così… bisogna essere seri».

Mauro Corona sculacciato

Ma Bianca Berlinguer non ci sta e attacca un «pistolotto» femminista: «Beh, Azzolina si mette il colore che piace a lei. Ogni donna si concia come vuole. Su questo devo intervenire, perché se fosse un uomo nessuno direbbe niente, ma siccome è una donna… non c’entra niente. Valutiamola in base al lavoro che svolge, non se mette o no il rossetto». Dopo essersi sorbito la reprimenda della conduttrice, Mauro Corona cerca di spiegarsi: non c’entra il sesso della Azzolina, ma l’opportunità o meno per un ministro di acconciarsi in un certo modo: «Ho dato un giudizio estetico, era troppo esagerata così».

La dittatura del politicamente corretto

Del resto, non è la prima volta che Mauro Corona e Bianca Berlinguer si sono scontrati. In passato, anzi, il confronto fu ancora più duro, con lo scrittore che disse chiaro e tondo «io mi sono rotto anche le palle di parlare di questi migranti». Di più: «Credevo che la Rai, o comunque la televisione in generale, fosse l’osteria buona dell’Italia dove si potessero dire le cose con libertà… invece scopro che bisogna essere molto politicamente corretti». E la Berlinguer si è mossa sui binari del politicamente corretto, riverniciato in salsa rosa. Del resto, la recente levata di scudi in difesa di Giovanna Botteri, criticata per il suo look trasandato, avrebbe dovuto mettere in guardia Mauro Corona. Se sei donna, non puoi essere criticata. Altrimenti arriva la paternale.

Vittoria Fiore

4 Commenti

  1. Mi fa piacere che questo articolo, sia firmato da una donna, significa per fortuna che ci sono donne ragionevoli, che non pensano come la Gruber e la Berlinguer che le donne sono superiori a prescindere, e questo gli da il diritto di piagnucolare sempre, (fateci caso; quasi in ogni trasmissione prima o poi vanno a parare su questo argomento), secondo loro le donne, non vengono mai valutate quanto dovuto,che ovviamente è falso, chissà quante donne più in gamba andrebbero a piedi fino a Lourdes per stare come minimo al posto loro.

  2. Sono sconcertata dal tono di questo articolo, doppiamente sconcertata perchè l autrice è donna. Il rossetto è parso eccessivo sin dall inizio a tutti, ma non mi sembra il caso di sviare le argomentazioni dal suo operato al modo di truccarsi,per screditarne operato e persona. Ma lo vedete il primo ministro inglese come si veste, che sembra uno scappato di casa e nessuno ha mai detto nulla sino ad ora?
    Solo in Italia…
    La giornalista è parente della Hunziker?
    Mah…