Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 13 mar – Roma, come tutte le città d’Italia, è semiblindata per le misure di contenimento del coronavirus: ingressi nei negozi scaglionati, distanze di sicurezza, autocertificazioni per spostarsi. Ma c’è qualcuno per cui le regole contenute nell’ultimo decreto di Conte sembrano non valere.

Evidentemente educati dalla logica del “i confini non esistono”, capannelli di immigrati si formano infatti quà e là nel cuore dell’Urbe, incuranti di divieti, norme e restrizioni. Bivaccano ammassati sui gradini di piazza Venezia, si spostano i greggi a ranghi ben serrati, si appollaiano spalla a spalla sopra le panche di pietra. Che avranno da fare così asserragliati in capannelli? Nessuno lo sa, nessuno controlla.

Lo testimonia il materiale video e fotografico che sta circolando in queste ore sui social e che vi proponiamo, e dal quali, peraltro, emerge la desolante assenza di controlli da parte delle forze dell’ordine. Stai a vedere che ora, oltre al pagarci le pensioni, gli immigrati sono anche immuni al coronavirus… 

Il video

Le foto

Cristina Gauri

10 Commenti

  1. Non vi preoccupate! Se si ammaleranno, lasceremo defungere qualche anziano autoctono per privilegiare coloro che ci devono sostituire. Nel caso qualcuno, come voi del Primato, avesse qualcosa da dire, ci penseranno Papa Bergoglio ed esponenti assortiti delle sinistre nostrane, a far valere le ragioni dei poveri ” Migranti ” non informati e quindi scusabili. Per noi multe e denunce, per loro accoglienza e comprensione!

  2. …non vii preoccupate.. se gli italiani non escono, subito, di casa per riprendere la produzione,, gli italiani prenderanno i barconi..

Commenta