Il Primato Nazionale mensile in edicola

Milano, 21 feb – Il ministro della Salute Speranza insieme al capo della protezione civile Borrelli, al presidente della Regione Lombardia Fontana e all’assessore al Welfare lombardo Gallera interviene con una conferenza stampa per fare il punto sull’emergenza coronavirus  dalla sede della Regione Lombardia.

Speranza: “Italia miglior Paese europeo in gestione emergenza” 

Il ministro Speranza conferma la sospensione attività sportive, la chiusura della scuole e raccomanda la chiusura dei posti del lavoro nella zona del lodigiano dove si sono verificati i casi di contagio da coronavirus. “Abbiamo un team al lavoro per fare il punto e monitorare la situazione.  Io penso che l’Italia in queste settimane abbia dimostrato di essere il Paese d’Europa con la maggior soglia di attenzione. Abbiamo chiuso voli con la Cina, ho promosso personalmente la riunione dei ministri della Salute europei. L’ordinanza sulla quarantena obbligatoria domiciliare fa fare ulteriore passo in avanti. Il nostro servizio sanitario è forte, efficiente, in grado di affrontare questa vicenda”. Il ministro invita chi lavora nella comunicazione alla trasparenza sul coronavirus: “Bisogna dare informazioni corrette e giuste su come affrontare la crisi, bisogna seguire il decalogo del ministero della Sanità“.

Borrelli (Protezione Civile): “Strutture per la quarantena”

Prende la parola Angelo Borrelli, commissario straordinario per l’emergenza e capo della Protezione Civile: “Ci siamo preoccupati sin dai giorni scorsi di individuare alcune strutture per garantire forme di vigilanza, sorveglianza e isolamento di persone che hanno avuto contatti con i soggetti positivi al coronavirus. Probabilmente verranno anche disposti luoghi ad hoc negli aeroporti”.

Gallera (Welfare Lombardia): “Strutture quarantena a Milano e Piacenza”

Interviene Attilio Fontana presidente della Regione Lombardia: “La collaborazione ai più alti livelli sta funzionando: sono stati assunti provvedimenti che sono l’unico mezzo per bloccare questa possibile epidemia”. I casi totali in Lombardia vengono confermati a 14, mentre al momento non vengono confermati i casi in Veneto. Borrelli risponde che “Ci sono verifiche in corso” a riguardo. Viene reso noto che a breve vi sarà un riunione con i vertici della sanità Lombarda e che sono state individuate due strutture: una a Milano e una a Piacenza, complessivamente per 150 persone, disponibili per accogliere i cittadini di ritorno dalla Cina che andranno in quarantena obbligatoria. Giulio Gallera, assessore alla Welfare della Regione Lombardia, dichiara che altre verifiche sono in corso su alcune strutture alberghiere.

Ilaria Paoletti

8 Commenti

  1. ..ora che i buoi sono fuggiti, i pidioti si vogliono parare il culo.. maledetti…
    …. VOGLIAMO IL VOSTRO CULO DA IMPALARE..

  2. Va bene la pronta quarantena (ci mancherebbe…), ma perché non si coglie l’ occasione per indicare delle misure prudenziali, preventive, al fine di aumentare il livello igienico-educativo individuale? Solo lavare bene le mani?! Molti starnutiscono, tossiscono senza mettersi la mano davanti alla bocca, tanti sputano sul suolo pubblico, molti lasciano che i bambini vadano e tocchino dappertutto, senza parlare della igiene nel servizio
    e commercio pubblico (tamponi faringei obbligatori scomparsi, personale che pulisce vicino a clienti che stanno consumando, servizi igienici vergognosi), della manutenzione degli impianti di areazione,
    condizionamento…, ecc.ecc.
    Una volta quando si stava poco bene si stava a casa…, oggi? Quasi tutti fuori, spesso pure a sbaciucchiare per un nonnulla; ignoranza, paura o menefreghismo?
    Non vogliamo mega-lazzaretti tipo metropoli cinesi e, fino a prova del contrario, non diamo la colpa a fantomatici laboratori! Mi sembra troppo comodo.

  3. Aggiungo.
    Ieri sera il prof. Alessandro Meluzzi ha avuto una occasione “d’ argento”, ma non la ha sfruttata…, perché?!
    Durante la trasmissione diretta da Del Debbio (per me “Del Dubbio”), il prof. ha giustamente fatto propria l’ info circa la grave criticità degli impianti d’ areazione, ma quando ha accennato conseguentemente anche ai centri massaggi (che fruttano una palata di soldi “grigi” agli occhi a mandorla), a Del Dubbio è bastato dichiarare che era un tema di cattivo gusto (pazzesco!!), per mettere a zittire lui ed eventuali altri! Oggi far finta di un c…o sui trastulli para sessuali e sessuali è lasciare far cassetta ai cinesi, alla faccia della libertà delle donne e dei nostri vecchi magnacci (“porci”, ma quantomeno locali, anche dal punto di vista economico), ci può stare ma con enormi riserve! Scansare invece ignobilmente su una pesante via di contaminazione crociata (!) è ignobile, da codice legale. Del Debbio, ha gettato la maschera… Grave ignoranza, malafede e arroganza in un servizio pubblico.

  4. Sempre per colpa di questi sporcaccioni cinesi,non e’ razzismo ma siamo incazzati! Mangiano topi pipistrelli cani serpenti koala e di tutto di piu’ ,ma se gli domandi e’ vero che mangiate i cani??? ti rispondono che non e’ vero ma a yulin fanno anche la sagra della carne di cane .

  5. Lerggetevi la cronaca di quanta sporcizia topi e blatte hanno trovato negli anni nei migliori ristoranti cinesi italiani ,figuratevi cosa hanno trovato nei peggiori.

Commenta