Il Primato Nazionale mensile in edicola

Prato, 26 feb – Non si arresta l’ondata di suicidi per la crisi economica che sta investendo l’Italia. L’ultima tragedia in ordine di tempo è accaduta a Carmignano, provincia di Prato, dove il titolare di un’agenzia di viaggi si è tolto la vita impiccandosi nel proprio ufficio. Morto di Covid senza avere il Covid. Non passa settimana senza che si registri un sempre maggior numero di suicidi per la crisi ingenerata da lockdown e le restrizioni contro la pandemia. 



Agenzia viaggi azzerata dal Covid

Nel caso dell’imprenditore pistoiese, le restrizioni gli impedivano di lavorare da un anno, tra divieti di spostamento e paura del virus. Stando a quanto riporta La Nazione, l’uomo, 68 anni, da 25 organizzava viaggi. Ma la crisi si era portata via tutta la sua vita, la stessa crisi che ora miete il suo tributo di sogni infranti, povertà e suicidi.  «Non ho parole, sono rimasto pietrificato dalla notizia. Penso che il suo gesto sia legato alla crisi economica e sociale innescata dal periodo di pandemia e alla chiusura della sua attività di agente di viaggi, un settore molto colpito», ha commentato a caldo il sindaco di Carmignano Edoardo Prestanti.

«Bisogna agire per aiutare tutte le categorie economiche che stanno risentendo troppo di questo lungo periodo di crisi», o il rischio è che l’ondata di suicidi non si arresti. E’ stata la socia dell’agente di viaggio a fare la macabra scoperta una volta entrata negli uffici dell’agenzia. Lei lo stava cercando perché da un paio di ore non aveva più sue notizie. Sul posto un’ambulanza del 118 ed i carabinieri di Carmignano per eseguire i rilievi. Accanto all’uomo, un biglietto con il quale l’imprenditore si scusava ed esponeva i motivi del suo tragico gesto.

Sempre più suicidi per la crisi

Il fatto avviene a pochi giorni da un altro suicidio «per Covid». Quello di un imprenditore veneto, Omar Rizzato, 41 anni, titolare di un’azienda specializzata nell’allestimento audio, video e di illuminazione per concerti ed eventi. Rizzato si è sparato un colpo di testa perché la sua azienda non lavorava da un anno.

Cristina Gauri



La tua mail per essere sempre aggiornato

4 Commenti

Commenta