Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 26 feb – Come si comporterà il governo Draghi sul tema dell’immigrazione? È una domanda che si stanno ponendo in molti, visto che nella nuova maggioranza dovranno convivere il Pd, la Boldrini, la Lamorgese e Salvini, ossia soggetti politici che sostengono posizioni antitetiche. Ed è proprio questo il quesito che Paolo Del Debbio ha messo sul tavolo nell’ultima puntata di Dritto e Rovescio, stuzzicando sull’argomento due personalità che poi se le sono date di santa ragione: Karima Moual e Giuseppe Cruciani.  

Immigrazione, tema di nuovo caldo?

A prendere la parola è stata prima la giornalista marocchina, che ha fatto quello che tutti si aspettavano: una lunga tirata pro-immigrazione. Un po’ comizio, un po’ sermone domenicale, sono stati ripetuti tutti i luoghi comuni dell’immigrazionismo trito e ritrito: «Draghi non si farà dettare l’agenda da Salvini, seguirà la linea della Lamorgese che non è la Boldrini e che anzi ha spesso seguito quella di Salvini. Draghi ha puntato sui rimpatri e sul ricollocamento europeo, ma non ha parlato di integrazione: non è un governo spostato a sinistra ma sarà una politica emergenziale», prova a rassicurare tutti la Moual, con Cruciani che ascolta con estrema attenzione.

Guarda anche: «Chi disubbidisce al Dpcm è un rivoluzionario». Cruciani sta con i ristoratori (Video)

Lo scontro Cruciani-Moual

A questo punto, però, Cruciani entra a gamba tesa: «Tu sei sempre stata favorevole all’accoglienza di qualsiasi barcone», afferma il mattatore della Zanzara facendo trasalire la giornalista marocchina. Che tira fuori le unghie: «Chi? Ma dai Cruciani, ma quando mai?», «Perché? Sei mai stata a favore dei respingimenti?». Gli animi si scaldano: «Tu prima hai detto “io non posso accettare che arrivino clandestini”. Invece quelli che arrivano da Ong e barchini devi identificarli e accertare se sono rifugiati o migranti economici», contrattacca la Moual. Ed è qui che Cruciani lancia una vera bordata: «L’80 per cento sono clandestini. E comunque non puoi aspettare che arrivino nei nostri porti, perché lì sei già fottuto. Una volta che li accogli sei fregato». La Moual, come un pugile suonato, la butta sul patetico: «Ma non sono merce, Cruciani, stiamo parlando di persone». Ma il giornalista della Zanzara non abbocca: «C’è il traffico di esseri umani! I migranti sono merce per altre persone. La politica vostra, quella che tu sostieni, ha fatto arricchire un sacco di gente, ha fatto arricchire un sacco di mercanti di esseri umani». Colpita e affondata.

Il video

Vittoria Fiore

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta