Roma, 21 nov – “Difendere le nostre foreste, le nostre radici, il nostro futuro”. E’ quanto si può leggere sugli striscioni comparsi in tutta Italia per celebrare la Festa dell’albero. Un’azione compiuta dai militanti de La Foresta Che Avanza che hanno inoltre piantato stamani alberi nei luoghi simbolo delle città e dei quartieri italiani.

“È doveroso, in quest’epoca caratterizzata dall’ambientalismo spicciolo, compiere atti veramente ecologisti e identitari che guardino al futuro dei nostri territori e delle nostre aree verdi – si legge nel comunicato diffuso dalla Foresta Che Avanza – e farlo tenendo presente sia l’atto concreto, ovvero la messa a dimora di un nuovo albero, sia il lato spirituale, ossia prendersi cura dei luoghi simbolo della nostra nazione facendo l’unica cosa veramente rivoluzionaria: mettere a dimora nuove piante tenendo ben presenti e rafforzando le radici del nostro popolo“.

Difendere le foreste per il nostro futuro

Un gesto dunque che non è semplicemente simbolico, ma che punta a sensibilizzare i cittadini su un tema cardine eppure sin troppo trascurato. Piantare alberi per difendere se stessi e la propria storia, assicurando così buone radici e un futuro migliore ai propri figli. “In un mondo di deforestazioni, delocalizzazioni e ambientalismo qualunquista – conclude la nota del movimento – non vi è azione più importante che difendere le nostre foreste e i nostri spazi verdi: lì sono le nostre radici, da lì nasce il nostro futuro.”

Alessandro Della Guglia

Commenta