Il Primato Nazionale mensile in edicola

Milano, 23 lug – E’ finito in manette stamattina con l’accusa di violenza sessuale per lo stupro del Monte Stella il 24enne immigrato africano sul quale la polizia investigava da 8 giorni. Lo straniero, un giovane senza fissa dimora che gravitava tra i quartieri Qt8 e San Siro, secondo gli investigatori avrebbe stuprato una 45enne all’interno del parco della Montagnetta. La vittima, che all’atto della violenza stava portando a passeggio il cane, non era riuscita a fornire particolari sulle fattezze dell’aggressore, se non l’altezza (u metro e ottanta) e l’etnia africana del proprio aggressore. Ad incastrarlo l’analisi del Dna sui resti biologici rivenuti nella stradina – un sentiero lontano dai viali più frequentati – lungo la quale è avvenuta la violenza, e le immagini delle telecamere di videosorveglianza acquisite dagli investigatori della Mobile con le quali è stato possibile ricostruire gli spostamenti dello stupratore.

La donna si era avventurata nel sentiero dove è poi avvenuta la violenza per recuperare il proprio cagnolino che si era allontanato dalla strada principale. Lì lo stupratore l’aveva notata e assalita alle spalle, buttandola per terra e prendendola per il guinzaglio del cane che la donna portava a tracolla, per poi usarle violenza. Il violentatore la teneva in scacco minacciando di ferirla con il coltello che diceva di avere con sé se avesse provato a urlare o scappare. Consumata la violenza, lo straniero si era allontanato e la vittima in stato di choc aveva preso a vagare lungo la stradina alla ricerca di soccorsi, fino all’incontro con un passante, che è stato poi in grado di allertare le forze dell’ordine e chiamare i soccorsi. Il personale dell’ambulanza l’aveva portata al centro antiviolenza della Clinica Mangiagalli, i dove i medici avevano riscontrato la violenza sul corpo della 45enne. Le indagini erano scattate immediatamente, fino al fermo di stamattina.

Cristina Gauri

5 Commenti

  1. tanto il giudice cattocomunista colluso con le ong e le coop che lucrano sulla tratta dei migranti lo assolverà perchè era un suo diritto struprarla visto che stava in astinenza ….. ormai siamo il loro circo equestre

Commenta