Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 8 set – A proposito di emergenza sanitaria: in Italia almeno 1,5 milioni di italiani sono senza medico di base. Almeno, perché in realtà gli italiani che non possono contare sul medico di fiducia sono quasi sicuramente molti di più. Difatti, come specificato dal Sole 24ore, i dati ufficiali sono relativi soltanto a 8 regioni. Le altre non li hanno ancora comunicati, di conseguenza è pressoché scontato che le carenze siano maggiori. Sta di fatto che già così sappiamo che un numero impressionante di cittadini non ha un dottore di famiglia a cui affidarsi.



Italiani senza medico di base: numeri sottostimati

La Sisac, la struttura interregionale sanitari convenzionati, ha rilevato 1.213 ambiti territoriali in cui è carente l’assistenza primaria, ovvero vacanti perché non vi sono medici a sufficienza. Per la precisione: 456 in Veneto, 239 in Toscana, 205 in Emilia-Romagna, 98 nelle Marche, 91 in Abruzzo, 59 in Friuli-Venezia Giulia, 55 in Umbria, 10 in Valle D’Aosta. Carenza di medici che si riscontra sia nei piccoli comuni che nelle grandi città, ad esempio Firenze e Milano.

“Considerando che la media nazionale è di 1.150 assistiti per ogni medico, solo in queste Regioni circa un milione e quattrocentomila cittadini non hanno un proprio medico di famiglia. E il numero è sottostimato perché mancano le altre Regioni a esempio anche nella mia, la Puglia, c’è un problema forte di carenza”, afferma il presidente della Federazione degli Ordini dei medici (Fnomceo) Filippo Anelli.

Numeri drammatici e destinati a crescere

Il problema nel problema è che queste carenze rischiano di aumentare in tutto il territorio nazionale. Come ben sottolineato sempre dal Sole 24ore, se fra il 2013 e il 2019 l’Italia ha perso già 3mila medici di base a causa dei tagli al sistema sanitario nazionale, adesso si rischiano altri vuoti da colmare a causa dei prossimi pensionamenti.

Si prevede difatti che entro il 2027 vadano in pensione 35.200 medici. “Probabilmente non ce ne saranno abbastanza per sostituirli”, fa notare il presidente dell’Ordine dei medici. Quasi superfluo evidenziare a questo punto che a fronte dell’alto numero di pensionamenti, in Italia le assunzioni previste sono state finora troppo poche e non si prevede affatto un doveroso incremento.

Alessandro Della Guglia

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta