Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 25 mag – Dall’inizio dell’anno sono sbarcati sulle coste italiane 13.766 immigrati irregolari. Un numero impressionante di per sé e ancor di più se confrontato ai dati dello stesso periodo 2020. Lo scorso anno erano stati infatti 4.724 i clandestini arrivati in Italia, dunque nei primi mesi del 2021 si registra un incremento quasi del 200%. Sbarchi triplicati e flussi continui, destinati oltretutto ad aumentare con la stagione estiva alle porte e quindi con il miglioramento progressivo delle condizioni meteorologiche. Fattore, quest’ultimo, che darà una triste mano ai trafficanti di esseri umani. Al contempo è piuttosto difficile immaginarsi il governo italiano intento a prendere le opportune contromisure, mentre emerge di nuovo il lassismo delle istituzioni europee. Ma vediamo nel dettaglio tutti i dati aggiornati dal ministero dell’Interno.

Sangue di Enea Ritter

Le cifre aggiornate

Nei primi mesi del 2021 sono sbarcati 12.630 immigrati in Sicilia, 517 in Puglia, 314 in Sardegna, 273 in Calabria e 32 in Campania. Rapido confronto con la Spagna, altra nazione europea vicina alle coste africane: i dati Unhcr riportano l’arrivo di 9.689 immigrati. Mentre in Grecia sono sbarcate 2.889 persone e a Cipro 682. In totale, secondo l’Alto commissariato per i rifugiati delle Nazioni Unite, in mare sono morte 702 persone dall’inizio del 2021.

Black Brain

Da dove arrivano gli immigrati

La maggioranza dei clandestini sbarcati in Italia arriva dalle coste libiche (9.395). A seguire Tunisia (3.041), Turchia (836) e Algeria (314). Per quanto riguarda invece la nazionalità (dichiarata) degli immigrati, se prima la classifica era guidata dai tunisini (1.789) adesso al primo posto si trovano in bengalesi: 2.284. Al terzo posto gli ivoriani (1.329). Seguono gli egiziani: 837.

I mezzi utilizzati per arrivare in Italia

Sempre secondo quanto riportato dal ministero dell’Interno, dall’inizio dell’anno i clandestini sono arrivati con 283 mezzi navali. Per l’esattezza: 70 barconi, 77 unità da diporto, 72 gommoni, 22 pescherecci, 17 barche a vela e altre 22 imbarcazioni non classificate.

In ogni caso a preoccupare, e non poco, è più che altro l’impennata di arrivi registrata quest’anno anche raffrontata a quella verificatasi lo scorso anno. Come già evidenziato a gennaio su questo giornale, il 2020 aveva visto l’arrivo di 34.154 immigrati, il triplo rispetto al 2019. 

Eugenio Palazzini

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta