Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 3 feb – Una Serena Grandi scoppiettante a Live Non è la D’Urso ieri sera. «Adesso si chiamano “influencer“, una volta si chiamavano “zoccole”», è stata la sua opinione tranchant su questa “professione” web, nella stragrande maggioranza dei casi ammantata di nulla, che vede sgomitare sui social centinaia di casi umani con problemi di ego, alla

asia gianese

ricerca di like e prodotti gratis. Oggetto della discussione, le gesta di Asia Giannese, influencer famosa per avere “invaso” il sagrato di piazza del Duomo con la macchina e per aver recentemente rilasciato un’intervista alla Zanzara in cui spiegava candidamente che “La mattina mi alzo e non faccio nulla, per un post mi pagano 500 euro. Ho sempre pranzi e cene pagate nei locali, sono sponsorizzazioni”, per poi ammettere che “le tette rifatte me le hanno regalate. Chi? Un signore”. Non proprio un modello da proporre alle adolescenti, forse. Ma alle dichiarazioni della Grandi la Gianese ha risposto così:  “Sono cose diverse, io non vendo il mio corpo. Io ti ammiro un sacco per i film che hai fatto”. Le dichiarazioni dell’influencer stridono però con quanto aveva dichiarato alla Zanzara: “Sono maggiorenne e non capisco il perché di tanto accanimento per le tette e il culo. Dal momento che siamo nati nudi e moriremo nudi, perché non dobbiamo vivere anche nudi? […]Io uso il corpo per fare l’influencer e tramite l’immagine guadagnare”. Serena Grandi è stata poi costretta dalla presentatrice a scusarsi.

Ad un certo punto si intromette nella discussione anche l’ex tronista e modello Daniele Interrante, ospite della puntata: “Il problema tuo è che commetti dei reati e c’è gente che ti segue“, l’accusa, riferendosi alla bravata in piazza Duomo che è costato alla Giannese tante critiche ma anche tanta, tanta visibilità.

Cristina Gauri

1 commento

  1. Influencer come il coronavirus. Disinfettare e sterilzzare!! Altrimenti la contaminazione è sicura…

Commenta