Il Primato Nazionale mensile in edicola

La Spezia, 3 giu – Bufera su un affittacamere di La Spezia che ha annunciato tramite post si Facebook (poi rimosso) che avrebbe prestato i propri servizi solo a clienti non vaccinati.

Sangue di Enea Ritter

La Spezia, affittacamere: “No ai vaccinati”

Siamo a La Spezia, località della riviera ligure che si appresta a rivedere i fasti della stagione estiva avendo le Cinque Terre ad un tiro di schioppo: qui una affittacamere ha annunciato su Facebook che la sua struttura “non richiede Covid pass. E per questioni di sicurezza non darà accoglienza a persone vaccinate”.Non solo: anche “il personale non è vaccinato”. L’annuncio della titolare spezzina della struttura di ricezione è diventato in breve virale e, immancabilmente, sono arrivati stuoli di indignati ad accusarla di essere no vax. La bagarre social è stata tale che l’avviso è stato rimosso.

Black Brain

“Green pass? Strumento discriminatorio”

Intervistata dal Secolo XIX, l’affittacamere di La Spezia non cede di un passo sulla sua posizione: “Il green pass è uno strumento discriminatorio”, dice. “Ho voluto porre uno spunto di riflessione“. Per lei, infatti, il green pass sarebbe appunto discriminatorio “nei confronti di chi rivendica libertà di scelta e diritto al consenso informato e consapevole”. Sebbene sia stata “percepita come tale” la sua non era affatto una sterile provocazione. E riguardo alle critiche feroci ricevute che l’hanno costretta a rimuovere il pass, per lei “si tratta di sentimenti e atteggiamenti che non commento, perché si commentano da sé”. Ringrazia, invece, il “sostegno avuto da persone che credono nella libertà senza ricatti e compromessi“.

Ilaria Paoletti

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta