Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 21 apr – Avete strabuzzato gli occhi nel sentire un ministro della Repubblica proporre di regolarizzare 600mila clandestini? Magari avrete pure pensato che fosse una proposta talmente assurda da essere presa seriamente in considerazione da qualcun altro. E invece, dopo il prevedibile appoggio all’ideona del ministro Bellanova da parte dei soliti apologeti delle porte aperte, è arrivato pure il sostegno del ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese. Anzi, quest’ultima ha proprio specificato che il governo “sta lavorando a una sanatoria” che però non riguarda proprio tutti i 600mila irregolari che il ministro delle Politiche agricole vorrebbe regolarizzare.



“Il problema che si pone è quello della raccolta, bisogna fare emergere chi lavora in nero anche per una questione di sicurezza”, ha detto Lamorgese durante un’audizione alla commissione Affari costituzionali della Camera. Il ministro ha specificato che a riguardo è in atto “una riflessione” ma “per ora non c’è nulla di concreto”. La stessa Lamorgese ha poi aggiunto di essersi sentita con la collega Bellanova, con cui quindi sta cercando di mettere le basi per questa strabiliante iniziativa, ma la proposta “non è nei termini di 600mila“ essendo limitata soltanto al settore agricolo.  E quindi quanti sono i clandestini che il governo intende regolarizzare?

“Regolarizzare solo quelli che servono”

“Vedremo poi – ha detto Lamorgese – se ci sarà una previsione normativa. Ora siamo in fase di discussione. Si parla di regolarizzare non tutti gli irregolari presenti, ma quelli che servono e con delle regole“. Allo stesso tempo c’è chi ha messo “sul piatto” anche la possibilità di regolarizzare anche “colf e badanti, ma non è stata ancora definita una linea certa con gli altri ministri”, ha precisato il ministro dell’Interno. Insomma in piena emergenza coronavirus il governo sta valutando seriamente l’ipotesi di mettere in regola gli immigrati clandestini, che in quanto tali andrebbero semmai espulsi, limitando però la gentil concessione soltanto a quelli “che servono” (ah, quanto umanitarismo).

Sorvolando sulla discutibile valutazione in merito, è piuttosto emblematico che in piena pandemia e con il dramma economico in atto che sta coinvolgendo gli italiani, due ministri si impegnino così tanto per assicurare documenti e lavoro a stranieri irregolari. Senza oltretutto prendere in considerazione, salvo ulteriori delucidazioni a riguardo, la proposta avanzata da vari politici e da buona parte del mondo del lavoro di coinvolgere i percettori di reddito di cittadinanza. Certo, non tutti saranno in grado di lavorare nei campi, ma davvero nessuno di questi può farlo? Ci permettiamo di dubitarne.

Eugenio Palazzini



La tua mail per essere sempre aggiornato

6 Commenti

  1. diversi anni fa,quando gli industriali paventavano di chiudere le fabbriche per mancanza di operai e ne esigevano la importazione,mi divertivo a chiamare in diretta in quelle trasmissioni TV locali con il cummenda “disperato” in trasmissione, fingendomi un operaio specializzato anche se non lo ero…

    da autentico figlio di puttana,prima di chiamare cercavo di capire quali professionalità tecniche potesse avere avuto bisogno quell’imprenditore presente in diretta e gli domandavo se avesse voluto assumermi,possedendo appunto quelle specializzazioni,diplomi o brevetti.

    bene, durante i miei interventi telefonici,le facce,i giri di parole,i monosillabi gutturali di questi signori erano davvero un pezzo di comicità esilarante.

    a proposito,poi in italia è venuto il mondo intero e questi signori hanno chiuso lo stesso delocalizzando in tutti i Paesi del cazzo disponibili,lasciando un lascito di quasi 3 milioni di disoccupati.

  2. Ma perché non fanno lavorare chi prende soldi senza far niente? I cassaintegrati, Quelli che prendono il Reddito di Cittadinanza,….
    I sindacati dovrebbero favorire questo utilizzo. Uno che non fa niente si ammala, addirittura potrebbe incassare l’aiuto e lavorare anche a nero.

  3. Purtroppo lo faranno.
    Senza il consenso degli italiani, i quali questi ultimi pagheranno tutte le spese.

    Già hanno iniziato a dividere gli italiani usando lo sgherro Feltri.

Commenta